Venerdì, 29 Ottobre 2010 15:56

Sufjan Stevens: il ritorno del genio

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

Poteva andare sul sicuro Sufjan Stevens, in fondo aveva solamente scritto una delle canzoni più belle dell’ultimo decennio, “Chicago”, dall’album “Illinois” del 2005: bastava continuare sulla falsariga di quel pezzo per i brani del nuovo album e, con il supporto del suo innegabile talento, dar vita a nuove composizioni che avrebbero suscitato l’invidida di Brian Wilson e Burt Bacharach.

Ma il nostro non è tipo che si siede sugli allori, in fondo il suo percorso artistico è abbastanza esemplare da questo punto di vista: esordisce nel 2000 con “A sun came”, cui segue l’anno seguente “Enjoy your rabbit”, disco dedicato agli animali dell’oroscopo cinese, composto da brani strumentali di musica elettronica. E’ però con “Michigan” che il mondo comincia ad accorgersi di Sufjan Stevens, soprattutto per il bizzarro progetto che c’è alla base del disco: quello di essere il primo di una lunga  serie di album, uno per ogni stato degli USA. Sufjan a riguardo dichiarerà di esser stato rapito da degli extraterrestri che lo avrebbero poi portato nella loro navicella spaziale e gli avrebbero affidato questo incarico! Il lavoro successivo, “Sevens swans”, è una raccolta di canzoni che ci mostra il suo lato più intimista, e precede quello che a tutt’oggi può considerarsi il capolavoro di Sufjan Stevens, “Illinois”, secondo dei dischi dedicati agli stati, album presente in tutte le classifiche dei migliori dischi del decennio appena passato, in cui splendide ballate acustiche si alternano a pezzi pop con arrangiamenti orchestrali – da qui il termine di pop orchestrale coniato dalle riviste specializzate per descrivere in qualche modo lo stile dell’artista. E’ dell’anno successivo “The Avalanche”, raccolta di b-sides, outtakes e versione alternative dei brani di “Illinois”, lavoro dall’impronta rock più marcata, che in alcuni momenti sembra addirittura superare le vette del suo predecessore: incluse nella tracklist anche tre differenti versioni di “Chicago”, con la “acustic version” da brividi.


Segue un periodo di silenzio, interrotto a fine 2009 dalla pubblicazione della colonna sonora di un documentario dedicato alla BQE, l’arteria che collega Brooklyn al Queens, e da un ep, dalla durata anomala di quasi un’ora, “All delight people”, uscito quest’estate.
Arriviamo quindi a The age of adz” - con titolo e copertina ispirata all’arte del pittore americano Royal Robertson - che può essere considerato il vero successore di “Illinois”, e il risultato è ancora una volta spiazzante: si parte con “Futile device”, brano acustico di appena due minuti, e si chiude con “Impossible soul”, lungo brano di oltre venticinque minuti; nel mezzo nove canzoni composte con un approccio quasi jazzistico, con semplici melodie che si ripetono in continuazione, affogate in un mix di cori, arrangiamenti orchestrali, fiati, ottoni e musica elettronica.


Sembra esser questa la principale novità rispetto a “Illinois”: un’elettronica abbastanza elementare – vintage può essere il termine più adatto - perlopiù sinth e drum machine, sulla falsariga di “You are the blood” brano della durata di dieci minuti presente nella compilation benefica “Dark was the night” del 2008, che a riascoltarlo ora lasciava presagire questo cambiamento di percorso.
Ma è grazie all’immediatezza dei brani che Sufjan riesce a non appesantire troppo l’intera opera, forse con la sola eccezione della già citata “Impossibile soul”, brano di cui si discuterà a lungo e che necessiterebbe  di più ascolti per essere completamente metabolizzato (o anche rigettato): “Too much”, la title-track, il primo singolo “I walked” sono invece i pezzi più riusciti di un lavoro che pur non raggiungendo i livelli di “Illinois” ci offre la conferma del talento di un artista geniale che riesce sempre a stupire e a non essere mai banale, in un panorama musicale odierno abbastanza avaro di sorprese.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Europa

Resisti mia bella Europa verdeggiante culla dei secoli.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La ruota della vita

Si cresce e dentro si muore Si grida e nessuno ci ascolta.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quando l’intimità si fa politica attraverso la pittura. Intervista a Romina Bass…

Parlare di donne e politica in tempi di ritorno femminista significa addentrarsi in un periglioso terreno, col rischio che tutto venga fagocitato da nuovi slogan e propaganda di movimento.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 72. I diritti umani sulla Croisette. Tutti i premi

CANNES – Le opere cinematografiche create e scelte per la kermesse del 2019 distinguono la sensibilità di un gruppo sociale, il suo desiderio di indirizzare il mondo, in una parola...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Fertilità. L’orologio biologico non segue i nostri comodi

Convegno Rotary con il dottor  Alberto Vaiarelli, specialista di medicina della riproduzione, fondatore di ”Idee fertili”

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]