Mercoledì, 16 Luglio 2014 09:36

Elton John, stella di prima grandezza

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

Nel 1973 il cantante pubblica il suo capolavoro, “Goodbye Yellow Brick Road” 

“La musica ha il potere di guarire.  Ha la capacità di tirar fuori le persone da se stesse per un paio di ore. Sono sempre stato interessato solo al lato artistico della vita.”  (Elton John)

MILANO - Elton John è sicuramente uno degli artisti più importanti e originali emersi in Gran Bretagna dalla fine degli anni Sessanta. Dal 1969 a oggi ha pubblicato complessivamente 50 tra dischi in studio, dal vivo, colonne sonore e raccolte. Si calcola abbia venduto oltre 300 milioni di dischi in tutto il mondo.

Il primo 33 giri della svolta artistica di Elton John è sicuramente “Madman across the water” (1971), in cui spicca la splendida “Tiny Dancer”. Con il seguente “Honky Chateau” (1972) il cantante-pianista trionfa il tutto il mondo grazie al singolo “Rocket man”.

La consacrazione definitiva è comunque raggiunta con l’ambizioso doppio album “Goodbye Yellow Brick Road” del 1973, in cui è inserita la meravigliosa “Candle in the wind”, che è uno dei singoli di maggior successo di tutti i tempi con circa 37 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Genesi di un album storico

“Goodbye Yellow Brick Road” può essere tranquillamente definito un concept album; il titolo è una chiara citazione da “Il mago di Oz”, celebre film di Victor Fleming, e si riferisce all'addio all'innocenza e alla spensieratezza e al passaggio a una fase più matura e più consapevole della vita. Protagonisti delle singole canzoni sono personaggi della vita di tutti giorni con una trama ben delineata, che si uniscono in un'unica vicenda appena si ascolta l'album; effettivamente, Bernie, come ha sempre dichiarato, ha cercato di focalizzare il più possibile l'attenzione sulle immagini e sulle vicende umane, con un testo capace di evocarle e fonderle con la melodia di Elton.

Fondamentale per il pianista fu il gruppo musicale per le registrazioni dell’album che si svolsero a Chateau D’Herouville in Francia. Tutti i brani sono stati scritti da Elton John e il paroliere Bernie Taupin. Gli arrangiamenti sofisticati si devono al direttore d’orchestra Del Newman mentre la produzione fu affidata a Gus Dudgeon e Greg Penny, uomini di grande esperienza negli studi di registrazione.

La banda era composta da Dee Murray al basso, Davey Johnstone alla chitarra elettrica, Nigel Olsson alla batteria, David Hentschel ai sintetizzatori ed Elton John, alla voce, pianoforte, mellotron, organo e Leroy Gomez ai sassofoni. “Goodbye Yellow Brick Road” non fu originariamente pianificato come doppio Lp: l'emergente rockstar temeva che i suoi fan avrebbero potuto trovare il prezzo fin troppo caro. I progetti iniziali inoltre erano quelli di registrare il disco in Giamaica, sulle orme dei Rolling Stones, come disse lo stesso Elton nel librettino che accompagnava To Be Continued: “I Rolling Stones hanno appena fatto ‘Goat's Head Soup’ in Giamaica, andiamo lì”. Ma Kingston non rappresentava certo il luogo adatto, dato che né l'ambiente, decisamente ostile, né l'attrezzatura per la registrazione (fuori moda) potevano ritenersi adatti. L'atmosfera era molto importante, e quando Elton e la sua compagnia (formata da Bernie Taupin, Davey Johnstone, Dee Murray, Nigel Olsson e dal produttore Gus Dudgeon) arrivarono a Kingston, si era appena svolto il giorno precedente l'importante incontro di boxe fra Joe Frazier e George Foreman (la città era dunque in fermento). Le registrazioni proseguirono in Francia. Il disco fu pubblicato il 5 ottobre del 1973 e fu un successo grandioso e in parte inaspettato in tutto il mondo. Arrivò al primo posto negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, Canada e in Australia. Complessivamente ha venduto oltre 30 milioni di copie.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]