Mercoledì, 25 Febbraio 2015 14:56

Musica. Nuova release per Markus Stockhausen e Martux_m Crew

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Resiliens Astra presenta ATLAS EP, il vinile co-autoriale di Markus Stockhausen e Martux_m Crew

Astra, massima espressione della sperimentazione musicale di Resiliens, ha lo scopo di collegare la musica underground e la musica colta, realtà che coesistono separatamente e che sprigionano la loro più profonda ricchezza entrando in contatto e collaborando. Astra traghetta le espressioni di avanguardia underground verso un riconoscimento ufficiale e crea una stimolante contaminazione fondamentale per la ricerca artistica.

Per queste ragioni Resiliens Astra ha deciso di debuttare con ATLAS, un progetto innovativo alla ricerca di un equilibrio tra polarità opposte di varia natura.

Il Concept

"Tutti i confini sono convenzioni. In attesa di essere superati. Si può superare qualsiasi convenzione, solo se prima si può concepire di poterlo fare....e so che la separazione è un'illusione. La vita si estende ben oltre i limiti di se stessa....essere vuol dire essere percepiti. Pertanto conoscere se stessi è possibile solo attraverso gli occhi degli altri....tutto è connesso...La nostra vita non è nostra, da grembo a tomba, siamo legati ad altri, passati e presenti, e da ogni crimine e ogni gentilezza generiamo il nostro futuro”.

In ogni azione, in ogni "nota” generiamo il nostro futuro, due cerchi che si congiungono formano il simbolo dell'infinito, due identità distinte, finite, che nell'incontro danno vita all'indeterminato, a ciò che non ha confini, uno spazio della libertà.

Un vinile  - side A, side B -, due polarizzazioni diverse, una elettronica e l'altra acustica, come i poli di una batteria che connessi generano energia.

Un disco in un equilibrio instabile, come ogni cosa che ci circonda: la natura e l'artificio, il bene e il male, il nulla e il tutto, l'assoluto e il relativo, l'ordine e il disordine, l'emozione e la ragione....

Tutti i termini opposti possono trovare un equilibrio nel cerchio che suona, come nella congiunzione di femminile e maschile; la puntina che scorre nel solco del cerchio è l'unione procreativa di una nuova sonorità.

Atlas non è un opera individuale, ma un lavoro co-autoriale, un progetto che volge al cambiamento.

Gli artisti

Markus Stockhausen è tra i pochi trombettisti solisti in grado di variare dalla musica contemporanea, alla classica, al modern jazz. Per circa 25 anni ha collaborato con suo padre, il compositore Karlheinz Stockhausen, il quale ha compiuto molti capolavori per lui. L’approccio di Markus alla creazione di “musica intuitiva” è influenzato da post-bop, free jazz, world music, elettronica, ambient music e trae vantaggio dalla sua eccezionale padronanza dello strumento.

Una prima registrazione di Markus con il pianista Rainer Brüninghaus (Continuum, ECM) lo intriga e lo spinge a creare elettrizzanti versi con la tromba, il filocorno e la piccola tromba. I lavori successivi con il bassista Gary Peacock e il chitarrista Ralph Towner, le sue frequenti collaborazioni con il bassista Arild Andersen e percussionista Patrice Héral (Kàrta, Joyosa, Electric Treasures), le sue numerose collaborazioni in duo (in particolare con il virtuoso chitarrista ungherese Ferenc Snétberger, con Tara Bouman sui clarinetti: Moving Sounds, con il pianista jazz Florian Weber: Inside Out, e in precedenza con il fratello, Simon Stockhausen), il suo trio con il pianista Lichtblick Angelo Comisso e il batterista Christian Thomé, così come i suoi concerti da solista, spesso insieme ad uno speciale light design di Rolf Zavelberg (progetto: Klangvisionen), diedero a Markus grandi e fresche prospettive.

Dal 2001 si è affermato come compositore per grandi ensemble o orchestra, spesso con sé stesso come solista (Choral und Sehnsucht, Sonnenaufgang, Ascent and Pause, Miniatur, Symbiosis, Tanzendes Licht among others). Più di 60 cd documentano il lavoro di Markus Stochhausen. Regolarmente tiene workshop su musica intuitiva e corsi di canto e silenzio. Per maggiori informazioni consultare: www.markusstockhausen.com

Martux_m Crew

Martux_m Crew nasce nel 2010 come un gruppo di lavoro stabile composto da Martux_m, Kokleo e Zeno, Lanvideosource.

La Crew stabilisce il suo studio a Roma al Club Brancaleone creando un laboratorio dinamico in sintonia con tutte le attività creative per cui, sin dagli anni Novanta, il Club multifunzionale è riconosciuto a livello mondiale tra le più innovative organizzazioni italiane.

La Martux_m Crew, é un gruppo che si distingue per la sua eccletticità fra i generi, IDM, Techno e Nu Jazz. Uno tra i moltissimi lavori della Crew, il live set “In Beat-Ween Zone”, è riconosciuto d’alto valore anche per la cura raffinata che Lanvideosource dedica ai visuals. A questi, Martux_m e Kokleo accostano saggiamente tracce stimolanti caratterizzate da un suono caldo e sensuale, ispirate alla black music.

La Martux_m Crew ha condiviso il palcoscenico con alcuni degli artisti più famosi nella scena internazionale dei club tra cui Trentemoller, Ellen Allien, Apparat, Andy Cato, Carl Craig, The Hacker e Arto Lindsay.

Per maggiori informazioni consultare: www.martux-m.com

Info&Contacts

www.resiliensastra.com

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

https://soundcloud.com/resiliens-recordings/sets/atlas-ep-markus-stockhausen

Last modified on Mercoledì, 25 Febbraio 2015 15:33

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]