Giovedì, 30 Luglio 2015 15:07

Musica. Levante, un astro che sorge con personalità. Video Featured

Scritto da
Rate this item
(6 votes)

TORINO - Sta esplodendo o forse è già esplosa. Il 2013 accendeva tutte le radio con un ritornello che aveva per nome Alfonso, ma non era Signorini (lo ha detto chiaramente al concertone del Primo maggio l'anno scorso).

Levante, la ragazza che ha scritto e cantato questa canzone è tornata, con un album nuovo. Lei, nella vita di tutti i giorni, si chiama Claudia e di cognome fa Lagona, ha una bellezza non banale e due occhi nerissimi che raccontano della sua terra, la Sicilia, che ha lasciato molto presto per Torino. La città della Mole, con la sua scena musicale interessante, l'ha formata e le ha aperto le porte, dopo un lungo percorso di studio, festival per ragazzini musicisti, prove, delusioni. Come quella che l'ha spinta a volare fino a Leeds, in Regno Unito, un posto da cui è fuggita dopo soli tre mesi per problemi di convivenza con ragazzi psicopatici e un mondo musicale in cui non si era sentita se stessa. Allora il ritorno in Italia, l'incontro con l’etichetta discografica torinese INRI e i primi successi nel panorama indipendente italiano.

Con INRI pubblica nel 2014 il suo album d'esordio - Manuale distruzione - in cui racconta le conflittualità con se stessa e col mondo, conflittualità di tutte le ragazze intelligenti e toste come lei. In questo anno fortunato, il compimento di un percorso interiore tra concerti in Italia e all'estero (da ultimo l'Internation day stage di Austin) che si esprime compiutamente nel suo secondo album, uscito il 5 maggio, firmato con Carosello Records: Abbi cura di te. Un titolo che sembra testimoniare il raggiungimento della luce in fondo al tunnel, e l'uscita dal tunnel, soprattutto. La lucentezza artistica e umana, rappresentata anche dalla grafica, esprime l'evoluzione gentile che una persona può compiere, e non una sola volta nella vita, lungo il percorso. Come a dire: c'è sempre una speranza.

E la speranza c'è anche nella musica italiana: Levante si leva con quella sua voce educata in un panorama certe volte fossilizzato su schemi duri a morire ("duri come me" direbbe Claudia). Levante cantautrice dalla voce intonata, più di quella di Jovanotti come ama scherzare lei, perché quel suono a soffietto che esce nel parlare scompare quando la voce si adagia sulle note. In un mondo dove la gavetta - quella vera – conta ancora, e paga. “Abbi cura di te” è uscito a maggio in un formato originale: è un libro con dentro un disco, in copertina lei, vestita di tulle rosa e bianco, regge in mano un cuore ed è seduta su un cervello. Il messaggio è chiaro e forte: “seguire la parte sinistra e il battito lento, l’istinto che sia” come canta nella canzone che dà il titolo all’album. Un percorso in salita, quello di Levante, che ha superato le aspettative, non un fuoco di paglia. 

Non semplicemente “che vita di merda”, quindi. Ma un intero universo da offrire, con tutte le sue complessità. Il primo singolo, uscito a fine aprile, Ciao per sempre, racconta della fine di una storia d’amore la cui chiosa non è un addio ma un più sbrigativo “ciao per sempre”, come ad alleggerire un peso insostenibile. Il video, interpretato da Levante insieme ad un altro siciliano di nome Corrado Fortuna (My name is Tanino, ecco dove lo avete visto), mette in scena frammenti di vita quotidiana dopo la separazione: la doccia di casa, una birreria, un giro in macchina disperato in una Fiat Panda e una pioggia scrosciante che cade sulla cappotta mentre Fortuna, il boy in pena, piange disperatamente calando la testa sullo sterzo. Il secondo singolo, Le lacrime non macchiano, esce a luglio e subito, sulla rete di Veevo , conquista il pubblico. Anche se qualche fan resta deluso - perché il video che lo accompagna ha un’aria ironica tra il pop e il surreale, Levante canta tra atmosfere cartoon, dalla sua bocca escono parole disegnate, le sopracciglia si colorano a tinte fluo, la faccia un prodotto in serie su sfondo fantasia -  non si può rimanere indifferenti di fronte a tanta bellezza in musica. 

Il suo lavoro non si riesce ad afferrarlo in un istante, va ascoltato più e più volte, confrontato, ponderato dopo averne fruito di pancia, perché Levante non è un’artista facile: soprattutto sincera, scrive quello in cui crede e canta ciò che è nelle sue corde. Il suo essere indie sta nell’esprimere con caparbietà se stessa, senza preoccuparsi di quello che il pubblico può aspettarsi o meno. L’indipendenza nella libertà creativa dell’artista, nell’affidarsi a piccole etichette discografiche. Questo percorso per Levante è continuato nonostante si sia affidata per il suo secondo lavoro ad una major come la Carosello Record, ex Ricordi, comunque molto attenta a lasciare spazio alla creatività dei suoi artisti e a curare i prodotti nei più piccoli dettagli. “Abbi cura di te” funziona perché è un album intimo, c’è spazio anche per la voce della mamma di Levante, casalinga di professione a cui il mondo della musica non è del tutto estraneo, visto che ha dei sound che somigliano a quelli del conterraneo Battiato. Tanti non siciliani hanno comunque collaborato al disco: i torinesi Alberto Bianco, Daniele Celona, Alessio Sanfilippo e Federico Puttilli, che da sempre accompagnano coi loro strumenti l’amica Levante; Ale Bravo e Gnu Quartet, De Angelo Parpaglione e Stefano Piri Colosino, nonché Sir Bob Cornelius Rifo alias The Bloody Beetroots che ha prodotto la canzone Lasciami andare. Lo stesso Cornelio, che Levante ringrazia alla fine del disco, con tutto l’amore che c’è.

Il mio consiglio è: cercate il disco su Spotify, ficcate le cuffiette nelle vostre orecchie e abbandonatevi alla musica disponibile dall’album su questa applicazione. Scoprirete un mondo inedito! O, se siete in zona, affrettatevi a partecipare al tour di agosto e settembre che passerà per: Treviso il 2 agosto, Martina Franca il 9, Molfetta il 10, Brescia il 27, Torino il 30 e Milano Padova e Prato rispettivamente l'11, il 12 e il 17 settembre, per poi concludersi a Napoli nella splendida cornice di Castel Sant'Elmo in un giorno importante per questa città: il 19 settembre.

Levante – Ciao per sempre - Video

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]