Giovedì, 03 Settembre 2015 16:54

Venezia 72. “Spotlight”: la chiesa e l’abuso sui minori. Da non perdere

Scritto da

LIDO DI VENEZIA (nostra inviata) - "La Chiesa ha permesso l'abuso sui minori per anni" questo fu il titolo che nel 2002, in prima pagina, pubblicò il Boston Globe, il quotidiano che fece esplodere, negli USA e poi in tutto il mondo, il caso dei preti pedofili grazie ad una accurata inchiesta fortemente voluta dal direttore del giornale che affidò il delicato ed arduo compito dell'indagine ad un team di giornalisti nominato "Spotlight".

L'inchiesta smascherò i preti che commisero quei reati, ma soprattutto portò alla luce tutto un sistema di capillare copertura e insabbiamento perpetrato per decenni dal clero con il bene placet di alcune figure istituzionali bostoniane, di alcuni noti avvocati che attraverso le mediazioni con le vittime ne fecero un business, e di una certa società cattolica bigotta che non voleva né vedere né sentire né, tantomeno, ammettere e meno che mai denunciare.

Questa è la storia vera narrata nel film che passa oggi, purtroppo fuori concorso, alla 72a Mostra del Cinema di Venezia e il cui titolo si riferisce proprio a quel team di reporter: "Spotlight" appunto, diretto da Thomas McCarthy ed egregiamente interpretato da Michael Keaton, Mark Ruffalo e Stanley Tucci. Il lungometraggio è asciutto nella narrazione, nella regia e nei dialoghi; privo di retorica anche nel finale. È un film che fa male, ma che vale la pena di correre a vedere perché è necessario non rimuovere. Nessuno deve dimenticare che abusando anche del nome di Dio alcuni preti criminali e malati, a Boston ben 80, hanno distrutto le vite dei ragazzini che hanno violato, selezionandoli fra le famiglie più difficili e indigenti.


L'inchiesta del Boston Globe e il clamore che ne seguì in tutto il mondo fece sì che le vittime di quelle violenze, anche in Italia, riuscissero con dolore a fare outing e a denunciare gli abusi subiti. Il mea culpa della Chiesa fu tardivo, considerata la natura stessa di questa, ma grazie a Papa Francesco, oggi, la reazione del Vaticano è divenuta più forte e decisa. La strada però è lunga: il film denuncia la presenza di un prelato coinvolto nell'inchiesta e trasferito a Roma presso la Basilica di Santa Maria Maggiore.
L'altro, ma non secondo, motivo per cui "Spotlight" è un film da non perdere, è la lezione che ci giunge ancora una volta dal giornalismo d'inchiesta americano , che piacerà a quei giovani che intendono intraprendere questa professione con coraggio. La stampa statunitense ha sempre rivendicato il ruolo di "guardiana dei poteri", grazie ad essa sono stati rivelati scandali e segreti che hanno rovesciato molte poltrone eccellenti e,  negli USA, questo rientra nella normalità dell'informazione nazionale. In Italia, purtroppo, i nostri pochi reporter che hanno intrapreso questo tipo di giornalismo o sono morti ammazzati o vivono sotto scorta. Mi chiedo: ma i nostri giornali ce l'hanno uno "Spotlight"?

Teresa Bartoli

Producer Tg1

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Le parole

Le parole strumenti nelle nostre mani scritte ripetute vogliono essere comprese.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]