Lunedì, 07 Settembre 2015 17:41

Venezia 72. “Rabin” e altre storie contro la violenza

Scritto da

LIDO DI VENEZIA (nostra inviata) Il 4 novembre 1995 il primo ministro israeliano laburista Yitzak Rabin muore a Tel Aviv, dopo un comizio sulla pace nella Piazza dei Re, per mano di un giovane colono della destra nazionalista ebraica.

Il 25enne fanatico religioso, arrestato sulla scena del crimine, voleva far saltare il processo di un avvicinamento pacifico con i palestinesi. Chi armò quella mano?  Questo è il tema affrontato dal film di Amos Gitai "Rabin, the last day", in concorso oggi alla Mostra e che ripercorre, in maniera metodica e neutra, sulla base dei documenti ufficiali, l'intero percorso della Commissione d'inchiesta che si occupò dell'assassinio scandagliando non solo l'ambiente del fanatismo religioso, ma anche le sfere più alte della politica nazionale e internazionale. Il regista israeliano, che in circa 40 anni, ha approfondito i vari aspetti della storia del Medio Oriente, ricostruisce, in chiave documentaristica, le ultime 24 ore di Rabin fino al momento drammatico della morte che segnerà la fine di quel progetto di riconciliazione in cui il premier aveva fermamente creduto. Sono trascorsi 20 anni dal quel sanguinoso evento, e da allora, la cronaca ha continuato a informarci sull'allarmante diffusione della violenza e del terrorismo di matrice religiosa in un'escalation che sta abbattendo ogni confine territoriale; un propagarsi di assurda violenza che ormai non esclude più nessuno. Il film, alla proiezione per la stampa internazionale, è stato molto applaudito. Le due ore e mezzo del lungometraggio, che vede ben 70 attori avvicendarsi sul grande schermo, non si fanno sentire grazie alla maestria del regista che riesce abilmente a catturare l'attenzione dello spettatore inducendolo inevitabilmente alla riflessione, nella speranza di smuoverne la coscienza anche attraverso il cinema.

Altro film sul tema ebraico, visto in questi giorni alla Mostra nella sezione "Orizzonti", è "Pecore in erba" dell'italiano Alberto Caviglia che affronta il fenomeno dell'antisemitismo attraverso la satira.
Un mockumentary sull'antiebraismo alla Woody Allen che ripercorre quei luoghi comuni radicati e diffusi nel tessuto connettivo della nostra società. Tra i protagonisti, oltre a Lorenza Indovina, numerosi volti noti che nel film impersonano loro stessi: Carlo Freccero, Corrado Augias, Vittorio Sgarbi, Enrico Mentana, Fabio Fazio, Ferruccio De Bortoli, Giancarlo De Cataldo, Linus e Tinto Brass.

E per restare sul tema della discriminazione, sono arrivate al Lido Michelle Hunziker e l'avvocatessa Giulia Bongiorno che in una conferenza stampa, da loro stesse indetta e presieduta, hanno acceso i riflettori sulla Fondazione Doppia Difesa, di cui sono creatrici e promotrici, nata per assistere, sostenere e tutelare gratuitamente le donne vittime di abusi e violenze. 

Teresa Bartoli

Producer Tg1

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]