Giovedì, 24 Settembre 2015 13:08

VENEZIA 72. “La prima luce”. Riccardo Scamarcio, padre a prova d’ostacolo. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Marco, giovane e cinico avvocato rampante, vive a Bari con la sua compagna Martina e il loro piccolo Mateo di 8 anni. Martina, latino americana, si è trasferita in Italia dopo averlo conosciuto. La storia inizia quando il rapporto tra i due è ormai alla fine. Martina vuole tornare a vivere nel suo paese con Mateo ma questa scelta escluderebbe Marco e lui non glielo consente, troppo profondo è l’amore e il legame con suo figlio.

Dopo un periodo lacerante, Martina decide di scappare insieme a Mateo e si reca nel suo paese facendo perdere ogni traccia. Il tempo per Marco inizia a scorrere più lento, non ha nessuna notizia di suo figlio e dopo un periodo di angoscia e sbandamento decide di andare a cercarlo. Una volta arrivato in Sud America si ritrova in una metropoli di 6 milioni di persone, indifferente e indecifrabile. In seguito a lunghe e inconcludenti ricerche Martina e Mateo sembrano davvero essere svaniti nel nulla, ma …  

“La Prima Luce racconta quanto può essere straziante una separazione e come l'amore di un padre per suo figlio possa superare ogni confine.”

Il film è caratterizzato da lunghe attese. Primi piani silenti. Assenza di azione e assenza di parole. Assenza volta a comunicare l’impossibilità dei due protagonisti di instaurare un qualsiasi dialogo, con l’altro e con se stessi. Nemmeno quando la moglie rapisce il figlio, Marco si sveglia o si arrabbia. Il suo dolore è interno e tale resta anche quando va in Brasile a cercare Mateo. Il film si snoda su più livelli, ma nessuno sembra essere sviluppato pienamente. C’è n’è uno psicologico che affonda prima nella depressione di lei, incontrollata e indecifrabile, poi c’è un livello giudiziario fatto di aule di tribunale e atti legali, ma anche qui il tutto si ferma, poi sopraggiunge quello dell’azione, Marco dovrebbe organizzare il rapimento del figlio e anche questo viene lasciato in sospeso. Pur trattando con delicatezza il rapporto padre- figlio, legame che supera qualsiasi ostacolo, il film lascia nello spettatore un senso di incompiutezza. Nota appropriata è l’aver descritto con precisione il personaggio di Martina, la madre-sequestratrice: egoista, sprezzante, ingrata, anaffettiva, bugiarda e vendicativa. Esattamente come sono le mamme straniere che compiono questo ignobile atto. E non ne farei una questione sudamericana, come ben sanno i papà rimasti senza i propri figli sparsi equamente in tutto il mondo. Consiglio agli uomini: se state per sposare una donna straniera andate a vedere il film. Tanto per avere anche un’altra versione dell’idillio amoroso che vi ottenebra cuore e ragione.

DATA USCITA:  24 settembre

DISTRIBUZIONE: BIM

GENERE: Drammatico

ANNO: 2015

REGIA: Vincenzo Marra

SCENEGGIATURA: Angelo Carbone e Vincenzo Marra

ATTORI: Riccardo Scamarcio, Daniela Ramirez, Gianni Pezzolla, Luis Gnecco, AlejandroGoic, Paulina Urrutia, Maria Eugenia Barrenechea

FOTOGRAFIA: Maura Morales Bergmann (A.I.C.)

MONTAGGIO: Vincenzo Marra e Sara Pretracca 

MUSICHE: Camila Moreno

PRODUZIONE: Paco Cinematografica

La prima luce – Trailer

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Spike Lee Presidente della Giuria

Il settantatreesimo Festival di Cannes si svolgerà dal 12 al 23 maggio 2020, il regista americano Spike Lee sarà Presidente della giuria. 

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]