Giovedì, 04 Agosto 2016 15:41

Jazz. Migrantes intervista a Pasquale Innarella

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA – Ad ottobre è prevista l’uscita di “Migrantes”, del Pasquale Innarella quartet che abbiamo avuto modo di ascoltare in anteprima in una presentazione a Roma.

Registrato in due sessioni a marzo di quest’anno per Alfa Music, verrà distribuito da EGEA. La formazione è quella che potremmo definire storica che vede oltre a Innarella al sax tenore, Francesco Lo Cascio al vibrafono, Roberto Altamura alla batteria e Pino Sallusti al contrabbasso. La parte del live del lavoro è il risultato di una fusione di musica e immagini già sperimentata col precedente album Uomini della Terra dedicato a Di Vittorio.

 Abbiamo chiesto a Innarella al di là delle vicende attuali, il perché del titolo: “Sono uno di quelli che ha vissuto l’emigrazione direttamente. In prima elementare, in un paesino dell’Irpinia, eravamo più di quaranta in classe; in quinta eravamo undici e quei pochi compagni rimasti, spesso vivevano coi parenti. Io stesso per studiare sono andato via. Oggi osservo l’immigrazione. Lo spostamento forzoso dei popoli. C’è poco da fare, i “miserabili” vanno e andranno sempre dove stanno i ricchi”. 

Tra i brani di tua composizione abbiamo ascoltato anche una traccia del vibrafonista Mulatu Astatkè: “Di fatto è un omaggio all’Africa. l’Africa è una radice musicale fondamentale non solo per il jazz e secondo me rappresenta il futuro. Non dimentichiamo che proprio il jazz nasce negli USA (inizio del secolo scorso ndr) tra i neri, qualche italiano e altri europei a vario titolo tutti costretti allo spostamento forzoso”. 

Qual’è attualmente il tuo rapporto con le avanguardie? “Ottimo anche se penso che oggi nel jazz non sia più possibile dare delle categorie come in passato. Io stesso ho partecipato a quel movimento che mi è stato utile soprattutto nello sviluppo e nella ricerca del linguaggio. Ma secondo me oggi è meglio considerare il jazz come come un albero con tutte le sue radici e le sue ramificazioni”.

Innarella è musicista e compositore davvero poliedrico, con un fraseggio caratteristico e personale anche in contesti molto diversi. Abbiamo avuto modo di ascoltarlo in diverse situazioni e formazioni, dalle più classiche a quelle più contemporanee. Quello che colpisce è la capacità di trasmettere con leggerezza la profondità del suo modo di fare musica, fortemente legato ad una visone culturale e più complessiva della  contemporaneità; questo anche su un temi specifici come nel nostro caso. Leggerezza e profondità culturale emersa anche durante l’intervista e che sicuramente non lo incasellano (senza offesa) tra i jazzisti tutta musica … solo musica. Ma d’altronde crediamo che a Pasquale le caselle siano sempre piaciute poco. Come dargli torto?

Link utili

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]