Mercoledì, 07 Settembre 2016 11:28

Venezia classici 73. “Manhattan” di Woody Allen (1979)

Scritto da

Venezia Classici -  Sala Giardino mercoledì 7 settembre ore 17,00

LIDO DI VENEZIA - I film di Woody Allen (81 anni il primo dicembre prossimo) sono zeppi di citazioni, frasi ad effetto, battute tanto che si potrebbe  recensirli  usando quelle che da sole spesso rendono perfettamente lo spirito del film. Questo accade perché Allen è prima scrittore e poi regista (solo in terza battuta è attore) e da fine umorista qual è non si trattiene da spararne una dopo l’altra. Vere o verosimili che siano, le sue battute sono spesso esilaranti.

Di Manhattan, il film che diresse nel 1979 con un cast quasi di sole donne (Diane Keaton, Meryl Streep, Mariel Hemingway, sorella di Margaux, Tisa Farrow, sorella di Mia) appena finito disse:” Non mi piace, non va distribuito, devo dire alla United Artist che rinuncino alla prima. Lo devono buttare, in cambio gliene girerò un altro gratis”. 

Nel film il protagonista Woody fa l’amore con una ragazza di diciassette anni: “E’ un problema perché la sera deve tornare a casa a fare i compiti”. Non in questo ma in un altro film Woody ha fatto dire al suo nevrotico personaggio:” Vado dallo psicanalista da dieci anni, ancora uno e poi vado a Lourdes”.  In un altro si definì “un grande amatore: mi sono esercitato molto da solo”. Si potrebbe andare avanti per ore. E il Woody Allen di Manhattan è proprio quello delle citazioni a sorpresa. 

La trama è aggrovigliata: amori difficili, amori impossibili, fughe in avanti, marce indietro improvvise sullo sfondo di una New York che è la vera protagonista. Ripresa in bianco e nero (“ci sono nato e cresciuto e l’ho vista sempre in bianco e nero” così il regista spiega la sua rinuncia al   colore) è la città nella quale il protagonista, uno scrittore televisivo, vive nevroticamente i passaggi sentimentali della sua movimentata e disordinata vita sessuale. La colonna sonora è straordinaria: fra l’altro riesuma George Gershwin in un passaggio azzeccatissimo.

L’intellettuale Allen, si sa, piace poco agli americani che gli preferiscono il cinema d’azione di Stallone e Schwarzenegger: per questo Manhattan, un film di grande valore, l’Oscar non lo ha nemmeno sfiorato. Ma a premiarlo in modo molto più raffinato hanno pensato l’American Film Institute, che lo messo fra i 100 migliori film-commedia, e la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti che lo ha voluto fra i film conservati nel suo prestigioso archivio. Dove Rambo non c’è davvero. 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Amore Illusione

L’amore illusione... possederlo farlo nostro!

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

La cultura dentro e fuori l’Accademia. Intervista a Julia Draganović

Abbiamo incontrato la neodirettrice di Villa Massimo, Accademia tedesca a Roma. Con lei abbiamo parlato di promozione culturale, del senso della Istituzione che guida e di come la cultura sia...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Vaccini Genetici: Una tecnologia da tenere d'occhio

La rivista di divulgazione "Scientific American" ha incluso i vaccini genetici nelle "Dieci tecnologie da tenere d'occhio". La ricerca di nuove strategie di vaccinazione deve tenere in considerazione non solo l'efficacia...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]