Sabato, 10 Settembre 2016 12:26

Venezia 73. Toto Leoni, i magnifici tre … o quattro

Scritto da

LIDO DI VENEZIA - La Mostra è agli sgoccioli, ancora per poco i Leoni d’oro e d‘argento sonnecchiano in attesa di salire alla ribalta della Sala Grande per essere abbracciati con trasporto dai premiati commossi. 

Ma chi saranno i vincitori di quest’anno? Dicono che gli inglesi sono i grandi appassionati di scommesse.  Forse fino a ieri, oggi non più: nessuno di loro aveva previsto il Brexit.  Da noi, più modestamente,  c’è ogni settimana la schedina del Totocalcio, ad ogni crisi di governo scatta il toto-ministri, ad ogni morte di Papa si scommette sul successore di Pietro.

Alla Mostra di Venezia, in attesa dei premi,  i più ansiosi sono i giornalisti, quelli che dopo aver fatto carte false per strappare un accredito o un passi per le proiezioni,  si svegliano all’alba per non mancare le proiezioni mattutine (intorno alle 8), e fanno le ore piccole per le ultime (intorno alla mezzanotte e oltre). E fra una fila e l’altra  devono riuscire a metterci un panino per pranzo e un pasto frettoloso ma carissimo per cena. E così per dieci giorni filati. Ma alla fine, stremati ma soddisfatti, si tolgono il piacere di fare il toto-Leone: prevedere chi vincerà e chi no. E’  anche occasione per una vendetta postuma contro quel regista o quell’attore che li hanno attirati ad una proiezione faticosissima, e poi  li hanno delusi con un film che non meritava tanta fatica. 

Quest’anno, secondo i bene informati, the winner is La la land, un film musicale diretto dall’americano Damien Chazelle, protagonista una deliziosa camerierina innamorata di uno spigoloso jazzista. Il film ha avuto la fortuna di piacere sia alla critica che al pubblico. E qui va detto che la regola  “i film che piacciono alla critica non piacciono al pubblico”  e viceversa, alla Mostra di Venezia non vale, perché lo stesso film può essere stato visto dal critico alle 8 del mattino con il metabolismo sottosopra per l’alzataccia o per i nervetti con la cipolla della sera prima, mentre il pubblico se l’è goduto in una sala confortevole,   all’ora giusta per andare al cinema, in comode poltrone di velluto. I due giudizi potrebbero essere molto diversi, e ti credo!

La la land, comunque, è piaciuto a tutti, anche se il cinema di oggi non è più tanto favorevole al musical: quello hollywoodiano ha fatto il suo  tempo. 

Nelle previsioni della vigilia, se mira al Leone il musical americano  se la dovrà vedere con El ciudadano ilustre, da noi  Il cittadino onorario,  diretto dagli argentini Gaston Duprat e Mariano Cohn, protagonista uno scrittore di successo, addirittura vincitore di un premio Nobel  che, rifuggendo  da ogni convenzionalismo  in nome della schiettezza  e a difesa della vera cultura, rifiuta ogni invito mondano e accetta solo quello del sindaco della sua città natale che lo  vuole appunto cittadino onorario.  Un film intelligente, graffiante che ha riscosso  molti applausi.

Un terzo candidato ai premi maggiori è considerato da molti critici  Frantz, del francese François  Ozon: in un rigoroso bianco e nero racconta la storia di una ragazza tedesca che nella Prima Guerra mondiale ricorda con i fiori al cimitero il fidanzato che non c’è più e un giorno scopre un francese, vale a dire un nemico, piangerlo sulla tomba come lei …  ( Non si racconta mai il finale a sorpresa  dei film che meritano di essere visti al cinema!)

Non solo i film, anche gli attori: toto-divi dà per candidata alla Coppi Volpi per la migliore interpretazione femminile   Natalie Portman,  protagonista del film  Jackie, in cui impersona Jacqueline Kennedy poi Onassis in un film celebrativo  che non ha suscitato molti consensi, ma lei è apparsa piuttosto brava. 

I tre film italiani in concorso hanno deluso, ma non è detta l’ultima parola. Anche perché, come in tutti i festival del mondo, anche alla Mostra di Venezia le sorprese possono non mancare. Oltre ai tre favoriti di cui s’è detto c’è anche l’ultimo arrivato “La donna che se ne andò”, film di Lav Diaz, prolisso e affascinante regista filippino. Questa volta Diaz è stato conciso, la sua opera dura solo quattro ore ed è stata applauditissima. Vuoi vedere che … ?

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]