Martedì, 27 Settembre 2016 07:53

Caro Jovanotti, mi fido di te Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Cinquant'anni è l'età giusta per iniziare a tracciare un bilancio della propria vita e non c'è dubbio che l'esistenza di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, sia stata più che positiva. 

È stata positiva perché, per fortuna, la maturità e la capacità di analisi che si acquisisce col passare del tempo non lo ha privato di quella sottile, direi quasi ingenua, fanciullezza che permea i testi delle sue canzoni e l'esplosività delle sue esibizioni, semplicemente elettrizzanti, come dimostra il trasporto emotivo del pubblico.

Inutile star qui a elencare i successi del Jova: quasi tutti i suoi album sono stati dei trionfi, i suoi concerti hanno spesso fatto segnare il tutto esaurito, è uno degli intellettuali più stimati del panorama culturale italiano, anche al di là del suo ambito di competenza, ed esprime una passione politica autentica e benemerita, benché non mi riconosca in certe sue idee che considero rispettabili ma sbagliate. 

Tuttavia, la vera forza di questo eterno ragazzo, di questo Morandi degli anni Duemila che condivide con l'originale il senso di positività che emana, sta proprio nel suo credere nella vita, nel suo amarla alla follia, nel suo sentirsi parte di un universo più grande, nel suo non rassegnarsi mai alla sconfitta, nel suo continuo cercare, nel suo scavare a fondo, nel suo costante immaginare orizzonti lontani e provare a raggiungerli, nel suo vivere in funzione di un sogno di felicità che intende condividere con tutti coloro che lo apprezzano e lo circondano. 

Perché Jovanotti è fatto così: osserva l'aberrazione del mondo e la sfida, si china sul dolore dell'umanità e lo denuncia senza infingimenti, non tace di fronte alla realtà ma non rinuncia mai alla battaglia per cambiarla, lui che ha contribuito a modificare radicalmente, in meglio, il panorama della musica italiana. 

Convivono in lui i pensieri lunghi di Berlinguer e la leggerezza di Calvino, il romanticismo e l'impegno civile per una società più giusta, quel tocco di follia che lo rende unico e la capacità, assai rara di questi tempi, di dire cose serissime senza mai prendersi troppo sul serio. 

Auguroni, indomito ragazzo di mezzo secolo! E ricordati che se continuiamo a fidarci di te è proprio perché sappiamo che, dietro quella maschera da uomo vissuto, per fortuna si nasconde un Peter Pan che non ha alcuna intenzione di diventare adulto.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]