Lunedì, 11 Luglio 2011 19:45

Ferrara sotto le stelle. “I National”: slow show for dirty lovers

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

FERRARA - Già dal primo brano in scaletta, “Runaway”, splendida ballata in stile National dal loro ultimo lavoro “High Violet”, si capisce che tipo di concerto sarà: la voce di Matt Berninger appare calda e ispirata, spontaneo il battimani che accompagna il brano,  sorta di rispetto nei confronti di chi sta sul palco.

La serata era stata aperta dai Beirut, gruppo di Santa Fe capitanato da Zach Condon, con la loro miscela di indie folk e musica popolare balcanica: scorrono abbastanza velocemente i  brani più famosi, da “Nantes” a “Sunday Smile”, “Postcard From Italy” e “Elephant Gun”, alternati a pezzi del nuovo album in uscita a fine agosto.

Si registra il tutto esaurito, cosa successa in passato a “Ferrara Sotto le Stelle” solamente con i Pixies lo scorso anno e i Radiohead anni prima, e questo ci fa capire lo status raggiunto dai National, non più band per pochi intimi ma superstar di livello internazionale.

Sorprende soprattutto in positivo la loquacità di Berninger, che intervalla i pezzi con battute e aneddoti, tra cui il racconto di un loro concerto a Marina di Ravenna del 2005 di fronte a venti persone; il resto della band, con i fratelli Devendorf a basso e batteria e i due Dessner alle chitarre è anch’essa impeccabile.

Per più di un’ora e mezza si alternano brani dall’ultimo “High Violet”, eseguito quasi interamente, molti da  “The Boxer” e qualche ripescaggio da “Alligator”: le parti che su disco erano riservate agli archi dal vivo sono sostituite da una sezione fiati  che rende il sound più corposo, mentre il suono delle chitarre tende ad assumere degli accenti sempre più shoegaze.

Tutti i pezzi presentano arrangiamenti diversi rispetto agli originali: Berninger praticamente non sbaglia nulla, sfoggia la sua consueta voce baritonale, sale sulle transenne e canta, supportato da un inseparabile bicchiere di vino .

“Fake Empire”, che chiude la prima parte del concerto, è la canzone che suscita più entusiasmo: per l’occasione  salgono sul palco anche Zach Condon e Kelly Pratt dei Beirut che si aggiungono al reparto fiati e l’esecuzione del pezzo, di cui già si conosceva una versione live nel cd “The Virginia Ep” che lasciava un po’ a desiderare, finalmente appare all’altezza della sua bellezza, brano utilizzato tre anni orsono da Obama nella sua campagna elettorale.

Anche l’encore riserva delle sorprese che a lungo rimarranno nella memoria, non solo per le magnifiche “Terrible Love” e “Mr November”, con Berninger praticamente a diretto contatto con il pubblico, ma soprattutto per l’esecuzione dal vivo di “Vanderlyle Crybaby Geeks” che chiude il live: eseguita senza amplificazione e cantata da tutti i componenti del gruppo, fa rimanere senza fiato,  giustifica la lunga ovazione riservata alla.

 

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]