Martedì, 07 Marzo 2017 19:10

“L’arringa di un pazzo” di August Strindberg. Recensione

Scritto da

La scelta di recensire “L’arringa di un pazzo”, romanzo di August Strindberg, autore geniale e misogino, nella ricorrenza dell’8 marzo, non è provocatoria né premeditata.  Quanto più una persona è libera, tanto meno cede al pregiudizio, cosa che vale per ogni donna.

Perciò credo non si debba aver paura di chiamare i fatti con il loro nome: August Strindberg, con questo testo  scritto tra il 1886 e il 1887, a causa del quale subì un processo per oscenità, ha lasciato una delle testimonianze letterarie più approfondite, veritiere e sconvolgenti del rapporto tra i sessi quale duello per la supremazia.

Una volta iniziato “L’arringa di un pazzo” magnetizza. Se da una parte è la testimonianza di una mente disturbata, dall’altra riproduce anche una normalità nella quale ci si può identificare. Strindberg racconta dell’innamoramento che cambia la vita, la passione conflittuale che lega un uomo e una donna, l’inferno matrimoniale quale naturale conseguenza. Un magma del profondo tumultuoso e dirompente dipinto con ossessioni, gelosie nevrotiche, collante di una relazione che schiavizza.

 L’opera è la composizione di un grande artista, oltre che confessione “impudica”, anche se non la si può considerare strettamente autobiografica perché è risaputo che la sua prima moglie, l’aspirante attrice Siri von Essen della quale Strindberg ci racconta, non era dissoluta come risulta dal ritratto deformato dello scrittore. Alcuni psichiatri, ad esempio, si sono spinti a dire che l’omosessualità attribuita a Siri, potesse essere quella dell’autore stesso.

Siri von Essen, prima moglie del barone Wrangel, divenne amante di August Strindberg e, una volta divorziata, lo sposò nel 1877. I due si separarono nel 1891. Studiosi, psicoanalisti, hanno letto nel libro del genio svedese molti contenuti patologici, ma essi sono affascinanti nei momenti in cui illuminano la cosiddetta “normalità”. Anche la misoginia proclamata può essere accostata a una più generale cultura misogina, riscontrabile nel nostro quotidiano, utile a capirsi. Un romanzo-verità disturbante, estremo, sincero, che ci attrae e nello stesso tempo ci costringe tutti, uomini e donne, a guardarci dentro.

August Strindberg

L’arringa di un pazzo

Adelphi editore novembre 2016

Pagine 287

Euro 19.00

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quando l’intimità si fa politica attraverso la pittura. Intervista a Romina Bass…

Parlare di donne e politica in tempi di ritorno femminista significa addentrarsi in un periglioso terreno, col rischio che tutto venga fagocitato da nuovi slogan e propaganda di movimento.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 72. Calano in TV gli appassionati della Cerimonia d’apertura

CANNES - Quest’anno è toccato a Charlotte Gainsbourg et Javier Bardem varare il festival di Cannes che durerà fino a sabato 25 maggio, dopo una breve cerimonia di apertura presentata...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]