Lunedì, 20 Marzo 2017 17:48

“L’avversario”: Emmanuel Carrére magnetizza. Recensione

Scritto da

Ne L’avversario, Emmanuel Carrère ricostruisce la storia, realmente accaduta, di Jean - Claude Romand, un uomo che nel 1993 tenta il suicidio dopo aver brutalmente ucciso la moglie, i due figli e i suoi genitori. Le indagini rivelano che Romand, che si era da sempre dichiarato laureato in medicina e medico all’Oms, è un impostore.

Ogni aspetto della sua vita è una menzogna, un’insostenibile impalcatura creata per sostenere la finzione. Un giorno questa messa in scena, spacciata per diciassette anni, crolla e Romand  con lei. La morte è la condanna inflitta a chi non deve assistere alla fine di questa recita, dietro la quale non esiste nulla. Il libro è l’affascinante tentativo di Carrère di dare un senso, con il piglio trascinante del grande scrittore, a ciò che appare inspiegabile. Carrére stesso, interagendo con il protagonista, diviene personaggio. Jean Claude Romand, il criminale, è un uomo gentile, o almeno così appare, che tutti i giorni supera il confine francese per recarsi in Svizzera dove passa il tempo a camminare nei boschi, sosta nella reception del palazzo dell’OMS a Ginevra dove dice di essere impegnato come medico, quando invece non fa nulla. Romand vive sfruttando i risparmi che si fa dare dai suoi fingendo di investirli negli ambienti giusti. Fino all’epilogo atroce, assurdo.

Il fatto ai primi degli anni ’90 ha scosso la Francia, al punto che sul caso sono stati girati un paio di film. Ma anche a distanza di decenni questa storia incredibile scuote, tanto più in un momento in cui, grazie al proliferare dei rapporti virtuali, l’abitudine di fingersi ciò che non si è, dilaga. Il caso Romand, senza giungere alle estreme conseguenze, richiama alla mente molti individui simili, anche se quasi mai la menzogna raggiunge tali livelli di follia. “L’avversario “ è la cronaca di una psicosi, il dramma di un uomo che non riesce a darsi un’identità propria, un individuo che vive di apparenza. Ma qui sta il punto dolens che ci riporta all’inconscio collettivo: quante persone vivono d’immagine senza interiormente “essere” quello che dichiarano? Certo la straordinarietà del caso è un’eccezione ma, come si suol dire, conferma la regola. In tutto ciò Carrère, da maestro, porta a lievitazione con grande suspense un problema che tocca nel profondo il mistero della nostra identità. 

L' avversario

Emmanuel Carrère

Traduttore: E. Vicari Fabris

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno edizione: 2017

Pagine: 169 p. , Brossura

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quando l’intimità si fa politica attraverso la pittura. Intervista a Romina Bass…

Parlare di donne e politica in tempi di ritorno femminista significa addentrarsi in un periglioso terreno, col rischio che tutto venga fagocitato da nuovi slogan e propaganda di movimento.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 72. Calano in TV gli appassionati della Cerimonia d’apertura

CANNES - Quest’anno è toccato a Charlotte Gainsbourg et Javier Bardem varare il festival di Cannes che durerà fino a sabato 25 maggio, dopo una breve cerimonia di apertura presentata...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]