Venerdì, 02 Giugno 2017 10:04

Ayse e i Beatles: due generazioni a confronto

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Ayse Deniz Karacagil: la ragazza con il cappuccio rosso resa celebre dal vignettista romano Zerocalcare, la manifestante anti- Erdoğan che scelse di recarsi a combattere a Kobane contro l'ISIS e a favore della Rojava dopo essere stata condannata ad un secolo di prigione per aver manifestato nel 2013, a Gezi Park, contro uno dei tanti scempi perpetuati dal Sultano sul Bosforo, la sognatrice indomita, emblema di una generazione in lotta e di un nuovo protagonismo femminile. 

"Sgt. Pepper's lonely hearts club band": il capolavoro dei Beatles, l'album che compie cinquant'anni e costituisce il manifesto ideologico dei "Fab Four", simbolo della generazione che voleva e poteva sognare, della generazione della speranza, della generazione che viveva in presa diretta la corsa alla luna e poteva guardare al domani con ottimismo, creando in ogni istante nuovi spazi di libertà. Raramente abbiamo assistito ad uno iato più significativo fra due epoche storiche: i ragazzi di oggi in lotta contro la tirannia e i ragazzi di ieri che si abbracciano, si commuovono e si prendono per mano sulle note di tredici brani indimenticabili.

Non sembri una visione smielata, idilliaca o riduttiva, non sembri un romanzo dei buoni sentimenti o una dolce rievocazione di un passato che non può tornare: il confronto straziante fra la generazione dei nostri genitori e la nostra trova in questo contrasto di sentimenti, di prospettive e di destini la propria massima espressione, contrapponendo una sfortunata combattente, figlia delle ingiustizie e della bestialità del proprio tempo, a chi ha avuto il diritto di sperare, di vivere dignitosamente e di essere felice. 

Ricorderemo Ayse, i suoi occhi espressivi, il suo coraggio e la sua grandezza morale e cercheremo di farci interpreti delle sue battaglie, continuando a denunciare, senza sosta, lo scempio dello Stato Islamico e del suo progetto di morte.

Ricorderemo per sempre l'album dei Beatles e quegli anni, a quanto pare irripetibili, per cullare quanto meno l'illusione, forse utopica, di far rivivere qualcosa di quei giorni nella nostra epoca arida. 

E poi metteremo a confronto i due periodi ed esso sarà meglio di qualunque trattato sociologico sulle disuguaglianze che caratterizzano questa fase, sul rimpianto per ciò che avrebbe potuto essere e invece non è stato e sulla nostalgia per anni in cui una ragazza dal volto simpatico e sorridente, animata da nobili ideali, non era costretta a rischiare la vita, e infine a perderla, per provare ad affermarli.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

La triste Europa che non apprezza gli statisti

Potremmo star qui a commentare la crisi storica, e diremmo quasi epocale, della sinistra europea; potremmo stigmatizzare l'assurda scelta dell'SPD di trasformarsi in una sorta di corrente progressista, e neanche...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Camilleri e Simenon, a tavola e con le donne Montalbano rincorre Maigret

Più d’una volta, nei racconti di Andrea Camilleri, di cui è protagonista il commissario Salvo Montalbano, ricorre la citazione: “Prese un romanzo di Simenon e cominciò a leggere”. Oppure: “Fece...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

L’arte come mediazione e stimolo sociale

Il caso Piazza dell’Immaginario nelle parole della curatrice Alba Braza

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208