Venerdì, 02 Giugno 2017 10:04

Ayse e i Beatles: due generazioni a confronto

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Ayse Deniz Karacagil: la ragazza con il cappuccio rosso resa celebre dal vignettista romano Zerocalcare, la manifestante anti- Erdoğan che scelse di recarsi a combattere a Kobane contro l'ISIS e a favore della Rojava dopo essere stata condannata ad un secolo di prigione per aver manifestato nel 2013, a Gezi Park, contro uno dei tanti scempi perpetuati dal Sultano sul Bosforo, la sognatrice indomita, emblema di una generazione in lotta e di un nuovo protagonismo femminile. 

"Sgt. Pepper's lonely hearts club band": il capolavoro dei Beatles, l'album che compie cinquant'anni e costituisce il manifesto ideologico dei "Fab Four", simbolo della generazione che voleva e poteva sognare, della generazione della speranza, della generazione che viveva in presa diretta la corsa alla luna e poteva guardare al domani con ottimismo, creando in ogni istante nuovi spazi di libertà. Raramente abbiamo assistito ad uno iato più significativo fra due epoche storiche: i ragazzi di oggi in lotta contro la tirannia e i ragazzi di ieri che si abbracciano, si commuovono e si prendono per mano sulle note di tredici brani indimenticabili.

Non sembri una visione smielata, idilliaca o riduttiva, non sembri un romanzo dei buoni sentimenti o una dolce rievocazione di un passato che non può tornare: il confronto straziante fra la generazione dei nostri genitori e la nostra trova in questo contrasto di sentimenti, di prospettive e di destini la propria massima espressione, contrapponendo una sfortunata combattente, figlia delle ingiustizie e della bestialità del proprio tempo, a chi ha avuto il diritto di sperare, di vivere dignitosamente e di essere felice. 

Ricorderemo Ayse, i suoi occhi espressivi, il suo coraggio e la sua grandezza morale e cercheremo di farci interpreti delle sue battaglie, continuando a denunciare, senza sosta, lo scempio dello Stato Islamico e del suo progetto di morte.

Ricorderemo per sempre l'album dei Beatles e quegli anni, a quanto pare irripetibili, per cullare quanto meno l'illusione, forse utopica, di far rivivere qualcosa di quei giorni nella nostra epoca arida. 

E poi metteremo a confronto i due periodi ed esso sarà meglio di qualunque trattato sociologico sulle disuguaglianze che caratterizzano questa fase, sul rimpianto per ciò che avrebbe potuto essere e invece non è stato e sulla nostalgia per anni in cui una ragazza dal volto simpatico e sorridente, animata da nobili ideali, non era costretta a rischiare la vita, e infine a perderla, per provare ad affermarli.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

Non solo coaching: Siamo pronti ad affrontare lo tsunami digitale?

Siamo nel pieno delle sfide del mondo 4.0, una rivoluzione non solo industriale, ma anche personale e professionale.

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La Magia del Coaching e l’Expecto Patronum!

Facendo seguito ad una serie di considerazioni lette sulle riviste, fatte da alcuni personaggi del mondo dello spettacolo, indicative di tanta confusione sul contesto del coaching, colgo questa occasione come...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077