Domenica, 11 Giugno 2017 12:03

Venezia 74. Pari opportunità: con Alessandro Borghi la Mostra avrà un padrino

Scritto da

VENEZIA - La notizia è che la Mostra di Venezia, quest’anno, avrà un padrino.  Non la solita bella donna a condurre le serate di apertura e di chiusura ma un bell’uomo, ristabilendo un equilibrio di pari opportunità, che ai due sessi giova.

E’ stato scelto Alessandro Borghi, una promessa della nuova generazione di attori. Nel 2016 ha catturato il pubblico come coprotagonista nel film di Claudio Caligari Non essere cattivo, presentato al Lido alla 72. Mostra e acclamato da pubblico e critica, soprattutto per la magnifica interpretazione del cast. Lo stesso anno Borghi ha vestito i panni di Numero 8, ruolo di spicco nel film di Stefano Sollima: Suburra. Nel 2016, grazie alla presenza in questo film e in quello di Caligari, ha ottenuto due nomination ai David di Donatello. Non solo: nel 2016, ha vinto il Nastro d’Argento come attore rivelazione.

Alessandro Borghi é stato interpete nell’opera prima di Michele Vannucci dal titolo Il più grande sogno, basato su una storia vera, e nel cortometraggio Ningyo diretto da Gabriele Mainetti. Entrambi i film sono stati presentati a Venezia durante la 73. Mostra. Quest’anno Alessandro Borghi è stato scelto per rappresentare l’Italia agli Shooting Stars del Festival di Berlino, prestigioso riconoscimento e trampolino di lancio nel mercato cinematografico internazionale. 

Tra i suoi ultimi progetti anche Fortunata, nuovo film di Sergio Castellitto presentato alla 70. edizione del Festival di Cannes. Da poco ha terminato le riprese di Suburra-la serie, prima produzione italiana per Netflix, e attualmente è sul set del nuovo film di Ferzan Ozpetek, dal titolo Napoli Velata. Ce n’ è quanto basta e questa volta, finalmente, si può dire che sia stato rispettato il “principio di assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale di un qualsiasi individuo per ragioni connesse al genere, religione e convinzioni personali, razza e origine etnica, disabilità, età, orientamento sessuale o politico”, ovvero pari opportunità per i due sessi.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

Non solo coaching: Siamo pronti ad affrontare lo tsunami digitale?

Siamo nel pieno delle sfide del mondo 4.0, una rivoluzione non solo industriale, ma anche personale e professionale.

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La Magia del Coaching e l’Expecto Patronum!

Facendo seguito ad una serie di considerazioni lette sulle riviste, fatte da alcuni personaggi del mondo dello spettacolo, indicative di tanta confusione sul contesto del coaching, colgo questa occasione come...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077