Venerdì, 23 Giugno 2017 10:56

Labozeta. 4 stagioni, musica per la cultura della scienza

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA – “Una musica da favola, in un luogo unico al Mondo”. Così l’hanno definito i partecipanti al concerto di Labozeta di “musica per la cultura della scienza” che si è svolto il 21 giugno nella Chiesa di San Lorenzo in Miranda, nel cuore della Roma Imperiale.  

Forse non sono pochi quelli che, tra gli stessi abitanti dell’urbe, ignorano l’esistenza di questo luogo  edificato all’interno delle colonne del Tempio di Antonino e Faustina e donato al Nobile Collegio Chimico Farmaceutico Universitas Aromatariorum Urbis nel 1429 da Papa Martino V.  Non a caso la Labozeta, azienda specializzata nella sicurezza dei laboratori, l’ha scelto per ospitare “4 stagioni” - nelle parole di Giuseppe Perroni, Presidente del Nobile Collegio Chimico Farmaceutico - “un concerto che attraverso la musica rende omaggio alla cultura e alla scienza”. Momento di raccoglimento denso di significati, in un paese dove cultura e ricerca non hanno, purtroppo, l’attenzione che meritano.

Una chiesa affollata di esponenti della comunità scientifica e imprenditoriale hanno applaudito con vigore l’orchestra della Cappella Musicale Costantina che ha eseguito le melodie più belle - alcune molto note come l’Adagio in Sol minore di Albinoni - del repertorio barocco. Il direttore, Paolo De Matthaeis, ha introdotto i presenti all’ascolto dei brani illustrandone genesi e contenuti. La platea è passata estatica, per citare solo alcune esecuzioni, dall’ascolto del concerto in Re maggiore per flauto traverso, noto come il Gardellino, di Antonio Vivaldi con la solista Cecilia Sanchini, a quello per organo e archi in do maggiore di Mozart, alla bellissima Ave Maria di Caccini/Vavilov; a estratti dello Stabat Mater in fa minore di Pergolesi, nel quale si sono distinte le voci perfette di Giulia Patruno e Yuri Yoshikawa. 

“Una serata simbolicamente sacrale”, ha commentato Giancarlo De Matthaeis, presidente di Labozeta simbolicamente sacrale, “giacché arte e scienza sono le più chiare espressioni della creatività umana e l’amalgama tra loro s’inserisce in quell’innesto misterioso e prolifico che rende possibile il progredire della vita”.

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

La triste Europa che non apprezza gli statisti

Potremmo star qui a commentare la crisi storica, e diremmo quasi epocale, della sinistra europea; potremmo stigmatizzare l'assurda scelta dell'SPD di trasformarsi in una sorta di corrente progressista, e neanche...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Camilleri e Simenon, a tavola e con le donne Montalbano rincorre Maigret

Più d’una volta, nei racconti di Andrea Camilleri, di cui è protagonista il commissario Salvo Montalbano, ricorre la citazione: “Prese un romanzo di Simenon e cominciò a leggere”. Oppure: “Fece...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

L’arte come mediazione e stimolo sociale

Il caso Piazza dell’Immaginario nelle parole della curatrice Alba Braza

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208