Lunedì, 04 Settembre 2017 09:47

Pavarotti e Sabani, due volti dell'Italia

Scritto da

Di Luciano Pavarotti, della sua arte e della sua grandezza si sa ormai tutto, trattandosi di uno dei tenori più celebri al mondo, apprezzato ad ogni latitudine e in grado, e questo è stato il suo grande merito, oggi portato avanti da Bocelli, di avvicinare la gente comune alla lirica.

Di Luigi Sabani, per tutti Gigi, si sa meno e forse non verrà commemorato con gli speciali e le ondate di commozione collettiva che accompagneranno, giustamente, il ricordo del Maestro. 
Ad accomunarli, tuttavia, è la triste ricorrenza del decimo anniversario della scomparsa, avvenuta per entrambi ai primi di settembre del 2007, nel caso di Pavarotti a causa di un tumore al pancreas e per quanto riguarda Sabani per via di un infarto che lo stroncò a soli cinquantaquattro anni. 

Due volti dell'Italia: l'alto e il basso, il varietà e l'élite culturale e canora, eppure meritano tutt'e due questo ricordo e il nostro affetto per ciò che hanno regalato al  paese e per la meraviglia che hanno saputo suscitare con le proprie interpretazioni (Pavarotti) e con le proprie esilaranti imitazioni (Sabani).

Di Pavarotti conserviamo la sincerità, lo stile verace, la generosità d'animo, l'apertura mentale e l'attenzione che ha sempre riservato ai giovani; di Sabani lo stile di conduzione, il talento e la creatività, ossia le caratteristiche che lo resero, nel tempo, uno dei presentatori più apprezzati del piccolo schermo. 
Luciano Pavarotti, checché ne scrivano alcuni Soloni assai poco informati, era inoltre un uomo semplice nella sua complessità, in grado di coniugare l'alto e il basso, le arie delle grandi opere liriche e la struggente bellezza melodica della canzone napoletana, senza disdegnare i generi popolari verso cui, al contrario, nutriva una passione autentica e genuina che non si vergognava affatto di manifestare. 

Un artista umile, dunque, nonostante la sua riconosciuta grandezza, le sue esibizioni nei più importanti teatri del mondo e una notorietà che gli avrebbe consentito anche di esibire una spocchia ed una presunzione che, invece, non appartenevano minimamente al suo carattere. 
Pavarotti aveva la rara, diremmo quasi unica, capacità di infondere un'anima a qualunque aria, conferendole la propria personalità, il proprio carisma e la propria capacità di giungere dritto al cuore delle persone, al punto che nessuna canzone rimaneva la stessa dopo essere passata attraverso la sua voce, al pari della nostra concezione e persino del nostro rapporto con la medesima. 

Sabani, al netto della sua esuberanza scenica, era un uomo di rara sobrietà, di raro garbo e di incredibile buongusto, coinvolto nel '96 in una brutta storia giudiziaria nella quale, all'interno di un'indagine legata alla corruzione nel mondo dello spettacolo, venne accusato dal sostituto procuratore di Biella, Alessandro Chionna, di induzione alla prostituzione e segnato per sempre da una vicenda cui risultò poi totalmente estraneo, non riuscendo tuttavia mai davvero a riprendersi. 

Due gentiluomini, due personalità diverse ma a modo loro in grado di farsi apprezzare, due figure di cui avvertiamo la mancanza e, purtroppo, il silenzio, ora che invece avremmo più che mai bisogno di una nobiltà d'animo che, specie nel mondo dello spettacolo, sembra essersi perduta.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

Camilleri e Simenon, a tavola e con le donne Montalbano rincorre Maigret

Più d’una volta, nei racconti di Andrea Camilleri, di cui è protagonista il commissario Salvo Montalbano, ricorre la citazione: “Prese un romanzo di Simenon e cominciò a leggere”. Oppure: “Fece...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Nell’Italia che non legge, dilaga la “ringraziamentite”.

Gli scrittori di oggi hanno copiato dai titoli di coda dei film di ieri il vezzo di ringraziare tutti quelli che hanno collaborato alla fattura del film, fino all’ultimo elettricista...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

L’arte come mediazione e stimolo sociale

Il caso Piazza dell’Immaginario nelle parole della curatrice Alba Braza

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208