Lunedì, 04 Settembre 2017 10:00

Venezia 74. “The Leisure Seeker”: piace il primo film italiano

Scritto da

VENEZIA (nostro inviato) - The “Leisure Seeker” di Paolo Virzì, è il primo dei quattro film italiani in concorso a Venezia 74. Tratto dal romanzo omonimo di Michael Zadoorian, è anche il primo lungometraggio girato dal regista negli Usa. 

Narra di una coppia di persone molto avanti con gli anni - lui smemorato, lei affetta da una malattia seria - ancora innamorate e determinate a godersi la vita. Un giorno i due, contro la volontà dei figli, decidono di rimettere in moto il vecchio camper e di partire per un viaggio che ha come traguardo una visita alla casa di Hemingway. Tipicamente “virziniana” la pellicola è divertente e piena di battute, gli interpreti sono davvero grandi attori, Donald Sutherland e Helen Mirren, e offrono un contributo decisivo alla qualità dell’opera, che non parla solo di vecchiaia o di morte, ma anche di quell’energia vitale che può esserci in un rapporto matrimoniale lungo e pieno d’amore.

Paolo Virzì ha detto di essere stato spinto a girare perché gli interessava l’argomento, nel quale si è identificato: il gusto dell’esistenza da parte di due “anziani fricchettoni” e il dover venire a patti con la morte. Tema del resto universale.

Il film è stato molto applaudito. Qualcuno ha parlato di candidatura all’Oscar. Non a caso la Sony prevede l’uscita in America a dicembre, in Italia il 25 gennaio e sarà distribuito da 01. Paolo Virzì è stato tuttavia prudente, mostrando scetticismo nei confronti della corsa per la statuetta. “ A me fa già piacere – ha affermato - essere a Venezia e sapere che lo vedranno in 90 paesi”.

Ttitolo originale: THE LEISURE SEEKER

regia di: Paolo Virzì

cast: Helen Mirren, Donald Sutherland, Christian McKay, Janel Moloney, Dana Ivey, Dick Gregory

sceneggiatura: Stephen Amidon, Francesca Archibugi, Francesco Piccolo, Paolo Virzì, dal romanzo "The Leisure Seeker" di Michael Zadoorian

fotografia: Luca Bigazzi

montaggio: Jacopo Quadri

scenografia: Richard A. Wright

costumi: Massimo Cantini Parrini

produttore: Fabrizio Donvito, Marco Cohen, Benedetto Habib

produzione: Indiana Production, Rai Cinema, con il contributo del MiBACT, in associazione con 3 Marys Entertainment

Italia anno: 2017

durata: 112'

formato: colore

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077