Lunedì, 04 Settembre 2017 22:54

Venezia 74. “Novecento” di Bernardo Bertolucci, grande affresco cinematografico

Scritto da

VENEZIA - Fattosi conoscere con il sulfureo Ultimo tango a Parigi che è del 1972, Bernardo Bertolucci gira quattro anni dopo con Novecento il suo primo colossal, (come si diceva del peplum hollywoodiano): seguiranno L’ultimo imperatore e Il piccolo Budda.

Mai come nel caso di Novecento, un film si deve giudicare anche dalla lunghezza: diviso in due parti (e così fu programmato da un furbo esercente che costrinse gli spettatori a comprare due volte il biglietto) il film nella versione presentata oggi alla Mostra dura complessivamente tre ore e 17 minuti, e si avvale di un cast davvero hollywoodiano: Gérard Depardieu, Robert De Niro, Burt Lancaster, Sterling Hayden, Donald Sutherland e i nostri Laura Betti, Romolo Valli, Stefania Sandrelli, Alida Valli, Stefania Casini, Francesca Bertini e ancora Dominique Sanda.

La prima parte prende le mosse agli albori del secolo, in una fattoria dell’Emilia, dove due amici stretti, l’un figlio di contadini l’altro figlio del padrone, assistono via via ai primi scioperi nei campi, allo scoppio della Grande Guerra, all’avvento del fascismo. La seconda parte va dagli anni Trenta alla seconda guerra mondiale, alla liberazione, quando si processano i padroni. I due amici che si erano persi di vista si ritrovano, ma sono cambiati dentro.

E’ chiaramente un film sulla lotta di classe descritta senza mezzi termini: al contrario, ogni situazione è esasperata come impone il temperamento sanguigno del regista che sembra ancora aggirarsi sullo schermo fra i suoi attori. Un filmone nel vero senso della parola, che ebbe molto successo per le belle scene corali, le musiche appropriate, l’ampio respiro dell’azione, l’avvicendarsi nella narrazione di tre generazioni di gente emiliana dai forti contrasti caratteriali. E’ stato giudicato un film di parte, e il regista non l’ha mai negato, anzi si è compiaciuto del riconoscimento. Un affresco cinematografico da accostare, fatte le debite proporzioni,  ad un quadro: il Quarto stato di Pelizza da Volpedo. Stessa atmosfera, stesse emozioni. Un gran bel  film. Nessun premio a Venezia. Grande successo di pubblico.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. Il cinema italiano a Cannes

CANNES - Cinque lungometraggi, due corti e diverse coproduzioni rappresenteranno quest’anno l’Italia sulla Croisette. In squadra due registe, Alice Rorhwacher in Concorso con Lazzaro Felice e Valeria Golino in Un Certain Regard con Euforia, a testimoniare che il...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077