Mercoledì, 06 Settembre 2017 10:13

Venezia 74. La donna scimmia, il travagliato classico di Marco Ferreri

Scritto da

VENEZIA - Un anno dopo aver avuto un notevole successo con L’ape regina, Marco Ferreri girò nel 1964 La donna scimmia con due protagonisti di spicco: Ugo Tognazzi (fresco del Nastro d’argento preso l’anno prima come miglior attore protagonista) e Annie Girardot, l’attrice francese che allora andava per la maggiore. Il film è una coproduzione italo-francese, per noi c’era Carlo Ponti che s’impuntò e fece cambiare il finale. Ferreri ovviamente non era d’accordo.

E’ la storia di una giovane donna interamente coperta di peli (stupefacente l’opera del truccatore sul viso della Girardot) che uno spregiudicato traffichino arriva a sposare pur di poterla esibire come un fenomeno da baraccone. Poi nascono l’amore e un bambino, ma la madre muore di parto e il piccolo non le sopravvive. Perduta la sua fonte di guadagno, il vedovo senza scrupoli continua a girare per le fiere esponendo i loro corpi imbalsamati. Così lo girò Ferreri, ma il produttore, non nuovo a interventi censori sui film nei quali aveva messo i soldi, non sentì ragioni e ordinò il taglio delle scene finali. Il film si chiude con la morte della donna. Nell’edizione francese si arrivò addirittura al lieto fine: la donna perde il pelo. Il barbuto Ferreri non si dette  pace: il suo cinema grottesco, costantemente alla ricerca di anormalità sia nell’ambito familiare sia nella società corrotta dalla convenienza economica, appariva ai suoi occhi talmente edulcorato da non sembrare più suo. Per sottolineare la tenebrosità dei sentimenti lo aveva girato in bianco e nero con la mano straordinariamente felice di Aldo Tonti, uno dei grandi operatori del nostro cinema. Nessun premio a Venezia. Scarso il successo di pubblico.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. Il cinema italiano a Cannes

CANNES - Cinque lungometraggi, due corti e diverse coproduzioni rappresenteranno quest’anno l’Italia sulla Croisette. In squadra due registe, Alice Rorhwacher in Concorso con Lazzaro Felice e Valeria Golino in Un Certain Regard con Euforia, a testimoniare che il...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077