Mercoledì, 06 Settembre 2017 10:13

Venezia 74. La donna scimmia, il travagliato classico di Marco Ferreri

Scritto da

VENEZIA - Un anno dopo aver avuto un notevole successo con L’ape regina, Marco Ferreri girò nel 1964 La donna scimmia con due protagonisti di spicco: Ugo Tognazzi (fresco del Nastro d’argento preso l’anno prima come miglior attore protagonista) e Annie Girardot, l’attrice francese che allora andava per la maggiore. Il film è una coproduzione italo-francese, per noi c’era Carlo Ponti che s’impuntò e fece cambiare il finale. Ferreri ovviamente non era d’accordo.

E’ la storia di una giovane donna interamente coperta di peli (stupefacente l’opera del truccatore sul viso della Girardot) che uno spregiudicato traffichino arriva a sposare pur di poterla esibire come un fenomeno da baraccone. Poi nascono l’amore e un bambino, ma la madre muore di parto e il piccolo non le sopravvive. Perduta la sua fonte di guadagno, il vedovo senza scrupoli continua a girare per le fiere esponendo i loro corpi imbalsamati. Così lo girò Ferreri, ma il produttore, non nuovo a interventi censori sui film nei quali aveva messo i soldi, non sentì ragioni e ordinò il taglio delle scene finali. Il film si chiude con la morte della donna. Nell’edizione francese si arrivò addirittura al lieto fine: la donna perde il pelo. Il barbuto Ferreri non si dette  pace: il suo cinema grottesco, costantemente alla ricerca di anormalità sia nell’ambito familiare sia nella società corrotta dalla convenienza economica, appariva ai suoi occhi talmente edulcorato da non sembrare più suo. Per sottolineare la tenebrosità dei sentimenti lo aveva girato in bianco e nero con la mano straordinariamente felice di Aldo Tonti, uno dei grandi operatori del nostro cinema. Nessun premio a Venezia. Scarso il successo di pubblico.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077