Mercoledì, 06 Settembre 2017 10:13

Venezia 74. La donna scimmia, il travagliato classico di Marco Ferreri

Scritto da

VENEZIA - Un anno dopo aver avuto un notevole successo con L’ape regina, Marco Ferreri girò nel 1964 La donna scimmia con due protagonisti di spicco: Ugo Tognazzi (fresco del Nastro d’argento preso l’anno prima come miglior attore protagonista) e Annie Girardot, l’attrice francese che allora andava per la maggiore. Il film è una coproduzione italo-francese, per noi c’era Carlo Ponti che s’impuntò e fece cambiare il finale. Ferreri ovviamente non era d’accordo.

E’ la storia di una giovane donna interamente coperta di peli (stupefacente l’opera del truccatore sul viso della Girardot) che uno spregiudicato traffichino arriva a sposare pur di poterla esibire come un fenomeno da baraccone. Poi nascono l’amore e un bambino, ma la madre muore di parto e il piccolo non le sopravvive. Perduta la sua fonte di guadagno, il vedovo senza scrupoli continua a girare per le fiere esponendo i loro corpi imbalsamati. Così lo girò Ferreri, ma il produttore, non nuovo a interventi censori sui film nei quali aveva messo i soldi, non sentì ragioni e ordinò il taglio delle scene finali. Il film si chiude con la morte della donna. Nell’edizione francese si arrivò addirittura al lieto fine: la donna perde il pelo. Il barbuto Ferreri non si dette  pace: il suo cinema grottesco, costantemente alla ricerca di anormalità sia nell’ambito familiare sia nella società corrotta dalla convenienza economica, appariva ai suoi occhi talmente edulcorato da non sembrare più suo. Per sottolineare la tenebrosità dei sentimenti lo aveva girato in bianco e nero con la mano straordinariamente felice di Aldo Tonti, uno dei grandi operatori del nostro cinema. Nessun premio a Venezia. Scarso il successo di pubblico.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Poesia

Il coraggio di amare

Complessa, caparbia persa nei diversi  stati della mente...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Assolo

Amo quelli che non rinunciano ai propri sogni. Quelli che si rialzano sempre, anche quando si sentono a terra.

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Festival di Cannes

Cannes 71. Il 25 ottobre esce “Angel face”. Recensione

“Angel Face” ha debuttato al Festival di Cannes 2018 nella sezione Un Certain Regard, dedicata alle migliori novità dei giovani autori e il 25 ottobre arriverà nelle sale italiane.

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Amos Oz. In memoria

Esiste un luogo della parola che ha a che fare con la profezia: quel potere onirico che la scrittura sprigiona quando diviene impronta della storia e, al tempo stesso, visione...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Rizzoli. “Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking. Recensione

“Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking edito da Rizzoli (pagg. 199 euro 17,00) e uscito pochi mesi dopo la sua morte, avvenuta il 14 marzo scorso, con...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

La cultura como motor económico y social. El caso latinoamericano. Entrevista a …

El año pasado en Roma, en el marco de la conferencia “Cultura e Sviluppo, una prospettiva latinoamericana” al MAXXI, organizada por el IILA, nos encontramos con Trinidad Zaldívar, Jefa de...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077