Giovedì, 07 Settembre 2017 12:13

Venezia 74. Mother! di Darren Aronofsky, il film che ha deluso

Scritto da

VENEZIA – Un autore di chiara fama e in crisi creativa va ad abitare con la moglie in una grande villa, in una zona deserta e circondata da un bosco, per ravvivare l’ispirazione. Inaspettatamente uno sconosciuto bussa alla porta e, benché la giovane signora ne sia infastidita, lo scrittore lo invita a casa loro.

L’ospite si porta dietro tutta la famiglia, che prende possesso degli spazi, mette a soqquadro le stanze, litiga senza ritegno e relega ai margini la moglie dell’artista che, inutilmente, lo supplica di mandare via gli estranei. Lo scrittore, invece, dimostra di non poter fare a meno della gente, anche perché molti sono suoi ammiratori e da loro trae linfa per proseguire il  lavoro. Quando la moglie dell’autore resta incinta, i fan che girano intorno all’uomo distruggono la privacy della coppia e diventano pericolosi per la donna e per il bambino …

Sono molte le interpretazioni attribuite a questo film, zeppo di simbolismi e di allegorie: tutte opinabili perché Darren Aronofsky ha costruito una storia ingarbugliata ed ermetica. Secondo me, balugina metaforicamente lo sforzo della creazione che, a volte, richiede la distruzione di cose fondamentali, dalle cui ceneri l’ispirazione risorge con la purezza del diamante. Mother! non è film dell’orrore perché privo di suspense, non è rivelatore dell’inconscio perché le immagini fanno pensare a un groviglio torbido, non è storia in cui identificarsi in quanto i personaggi sono letterari. Chi ha visto “Il cigno nero”rimarrà molto deluso. Ma, come il regista stesso racconta, ci sono momenti in cui la vena creativa si inaridisce, anche nei grandi.

  • DATA USCITA: 28 settembre 2017
  • GENERE: Thriller
  • ANNO: 2017
  • REGIA: Darren Aronofsky
  • ATTORI: Jennifer Lawrence, Javier Bardem, Domhnall Gleeson, Ed Harris, Michelle Pfeiffer, Brian Gleeson
  • PAESE: USA
  • DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077