Sabato, 23 Dicembre 2017 13:08

Elisa, Gigliola Cinquetti e Mia Martini: quando la musica è davvero arte

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

Quanta magia, quanta meraviglia, quanta gioia e quanti sorrisi nell'arte di Elisa e di Gigliola Cinquetti, rispettivamente giunte al traguardo dei quaranta e dei settant'anni e più che mai desiderose di continuare a conoscere e scoprire il mondo! 

Una musica, la loro, intensa, potente, colta e popolare; un leggero accompagnare le diverse generazioni, prendendo per mano padri e figli, speranze ed emozioni, sogni e aspettative, nostalgie e sguardi al futuro, senza mai scadere nei toni urlati e nello squallore che caratterizza i tempi moderni. 

Elisa e la sua voce penetrante, Gigliola ed i suoi messaggi pacati e dolcissimi, entrambe vincitrici di Sanremo ed entrambe in grado di restare protagoniste e di confermarsi nel corso dei decenni, grazie alla spontaneità, alla gentilezza e alla gioia di vivere che emana dalle loro canzoni. 

La musica come felicità, come riflessione, come passione, come amore per il prossimo e come splendore dell'anima che si riversa sugli altri e compone un quadro di bellezza e di crescita collettiva. La musica come obiettivo, come orizzonte, come destino. La musica ma non solo, almeno nel caso della Cinquetti, a dimostrazione di una personalità poliedrica e sempre pronta ad esplorare nuovi universi, rendendo l'artista veneta una delle personalità più gradevoli da ascoltare in un panorama nazionale oggettivamente avaro di talenti e drammaticamente invaso da stucchevoli primedonne di entrambi i sessi. 

Il caso di Mia Martini, morta ventidue anni fa a causa di un fibroma all'utero non operato per la paura che attanagliava l'artista calabrese di veder mutare il proprio timbro di voce e che quest'anno avrebbe compiuto, a sua volta, settant'anni, è diverso ma non meno degno di attenzione rispetto ai precedenti. 

Tre storie di donne, dunque, di cantanti, di pittrice dell'anima e di sognatrici indomite. Tre storie che è bello raccontare sotto Natale per sentirsi, se non più buoni, quanto meno più sensibili e aperti nei confronti del prossimo. Di questi tempi, non è poco. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

La cultura dentro e fuori l’Accademia. Intervista a Julia Draganović

Abbiamo incontrato la neodirettrice di Villa Massimo, Accademia tedesca a Roma. Con lei abbiamo parlato di promozione culturale, del senso della Istituzione che guida e di come la cultura sia...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]