Mercoledì, 24 Gennaio 2018 18:46

44° Edizione del Premio Itas del libro di Montagna

Scritto da

Presentata a Milano la 44a edizione del Premio ITAS del Libro di Montagna, il prestigioso premio letterario dedicato alla letteratura di montagna. Il termine per inviare le opere è fissato per il 31 gennaio 2018

L'edizione 2017 ha riscosso grande successo, non solo per il numero delle pubblicazioni inviate, ma anche per la qualità dei volumi premiati, tra i quali spicca Le otto montagne di Paolo Cognetti, che il Premio ITAS per primo ha indicato al grande pubblico.

Entrambi i fattori, di qualità e quantità, hanno spinto l’organizzazione a riportare il Premio alla cadenza annuale; in tale modo, con ancora maggiore efficacia, il Premio si pone come osservatorio privilegiato su un segmento dell’editoria che negli ultimi anni registra una sempre maggiore attenzione da parte del pubblico dei lettori.

Il premio è articolato in tre sezioni: 

  • opere narrative; 
  • opere non narrative (saggi, manuali e guide) sull’alpinismo, sui viaggi e sull’avventura; 
  • narrativa per ragazzi in cui la montagna svolga un ruolo significativo. 

Possono partecipare all’edizione 2018 le opere edite dal 1° gennaio  al 31 dicembre 2017 in lingua italiana da parte di scrittori viventi. Il termine per inviare le opere è fissato per il 31 gennaio 2018. Tutte le informazioni, il regolamento, le categorie e i relativi premi sono consultabili al sito: www.premioitas.it 

“Il Premio, con il ritorno all’annualità, è destinato a porsi sempre più come punto di riferimento, non solo in ambito nazionale”, ha affermato Enrico Brizzi, scrittore e presidente di giuria del Premio dalla 41° edizione, “perché come nessun altro premio di settore è in grado non solo di registrare, ma anche di promuovere la cultura della montagna, del cammino, della scoperta, anche con nuovi linguaggi. Quest’anno, ad esempio, sono già arrivate al Premio alcune graphic novel di grande interesse”.

Istituito nel 1971, in occasione dei 150 anni di vita di ITAS Assicurazioni, il Premio ITAS del Libro di Montagna è il primo concorso italiano in assoluto dedicato alla letteratura alpina e nel corso degli anni ha contribuito a far conoscere i libri di scrittori di montagna già noti o che, grazie al premio, lo sono diventati: Messner, Zoderer, Camanni, Cassin, Rigoni Stern, Urubko, Casella, Macfarlane, Cognetti, Leoni per citarne solo alcuni. 

Il Premio ITAS e il Premio ITAS Montagnavventura anche quest’anno, inoltre, organizzano eventi di lettura, confronto, dialogo sulla montagna in biblioteche, scuole, spazi culturali in collaborazione con enti, associazioni, istituzioni. Tra queste in primo luogo il Trento Film Festival, durante il quale si sivolgerà la premiazione e si avranno spazi specifici dedicati ai libri del Premio.

Montagnavventura. Anche per questa edizione, il Premio ITAS si apre ai più giovani e li invita a raccontare le emozioni della montagna all’interno del concorso Montagnavventura, che dal 2013 si presenta diviso in due sezioni: Montagnavventura 11-15, per ragazzi tra gli 11 e i 15 anni, e Montagnavventura 16-26, per gli aspiranti scrittori dai 16 ai 26 anni. I testi in formato word devono essere spediti, insieme alla scheda di adesione scaricabile dal sito, all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il 15 febbraio 2018

La premiazione. I vincitori verranno premiati, come da tradizione, a Trento, venerdì 27 aprile 2018, nell’ambito della settimana cinematografica del 66° Trento Film Festival; il giorno successivo, sabato 28 aprile 2018, i premiati si troveranno a dialogare con Enrico Brizzi, presidente della Giuria e Lorenzo Carpanè coordinatore del Premio.

Info: www.premioitas.it 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. Il cinema italiano a Cannes

CANNES - Cinque lungometraggi, due corti e diverse coproduzioni rappresenteranno quest’anno l’Italia sulla Croisette. In squadra due registe, Alice Rorhwacher in Concorso con Lazzaro Felice e Valeria Golino in Un Certain Regard con Euforia, a testimoniare che il...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077