Martedì, 27 Marzo 2018 18:41

Fondazione Musica per Roma. Nicola Galli, premio Equilibrio 2018, per “Deserto digitale”

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Nicola Galli vince il premio Equilibrio 2018 della Fondazione Musica per Roma per il lavoro DESERTO DIGITALE. Ad annunciarlo è la giuria composta da Roger Salas, Valeria Crippa, Ana Moreno, Rino De Pace e David López. “L’autore di 28 anni – spiegano i giurati - si è imposto per l’audacia compositiva, il respiro intellettuale del progetto musicologico, l’unità estetica dell’ispirazione, il raffinato cromatismo del costume, la particolarità d’interprete”.

Una menzione speciale è stata assegnata anche al lavoro presentato da SIMONE ZAMBELLI con il titolo NON RICORDO “per la poesia e la capacità di evocare un mondo intriso di memorie, punteggiato di elementi lirici ed esaltato dalla sensibilità dell’interprete 25enne”.


Il Premio alla Carriera è stato assegnato invece alla coreografa statunitense KAROLE ARMITAGE (Madison, 1954) “il cui segno d’autrice è riuscito a condensare passato e presente in una pluralità di linguaggi che hanno fatto dialogare il balletto classico con il punk, la street art con la fisica quantistica, influenzando più generazioni di coreografi e danzatori sulla scena internazionale e radicando la propria esperienza in Italia”.

Il numero delle domande di partecipazione al Premio Equilibrio 2018 è stato molto superiore rispetto a quello delle ultime edizioni –ha dichiarato il direttore artistico del Festival Equilibrio Roger Salas – e oltre a esprimere la mia soddisfazione per questo grande successo voglio congratularmi con tutti i partecipanti, che hanno dato testimonianza della vitalità del paesaggio della danza contemporanea in Italia e che hanno messo in scena coreografie eterogenee, complesse e animate da notevoli capacità interpretative.”

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. In giuria prevalgono le Marianne

Al pubblico che si appassiona ai film in concorso non importa molto della giuria che li sceglie, ma è significativo che quest’anno al festival del cinema di Cannes, che si...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077