Martedì, 10 Aprile 2018 19:13

Romano Lepizzera e i suoi Romano da Itri

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Un gruppo esperto ben affiatato ed esperto che propone musica dialettale

Romano Lepizzera non è un cantautore qualunque, uno di quelli, come amava cantare Edoardo Bennato nella sua celebre “Il cantautore”, che dimostrava a parole di essere “forte, imbattibile, incorrutibile, saggio, che porta la verità, uno che sa tutto, assolutamente no. La sua opera va oltre le apparenze, i facili inganni di frasi fatte, di melodie costruite ad arte per stupire la maggioranza e lavarsi la coscienza. Romano Lepizzera ha fondato il suo gruppo “I Romano da Itri” nel lontano 2003 per portare avanti un messaggio che affonda le sue radici nel dialetto “itrano” per giungere dritto al cuore di chi lo ascolta. E suoi testi, le sue melodie, lo dimostrano benissimo.

Assieme a Daniel Marciano (musica, chitarra, Mac, batteria) e ad Emiliano Cannavale (chitarra, violino), elementi di assoluto valore artistico e di estrema esperienza, Lepizzera ha prodotto un lavoro di pregio “Romano da Itri” in cui la musica avvolge e rapisce l’ascoltatore fin dalle prime battute. Già in “Mèmmatèrre” (Madreterra) le sue strofe sono fortemente incisive e si legano profondamente ad un retroterra antico: “ E grossa troppo grossa/ sentite la stiamo facendo sporca/ e quando a fosse che fosse…/ non l’aspettiamo, vedi che sorte”. In “Vagliò” (Ragazzo) la saggezza non è retorica, ma indirizzo di vita, con accenti musicali intensi e vibranti: “ Ragazzo, vedi bene la via dove va/ a misurarti, non sono gli altri che devi superare,/ il tempo se ne va con chi lo fa,/ se vuoi la libertà, incomincia da te”, In “Triste Criste” (Triste Cristo) si tocca invece il tema di una religiosità quasi contadina, una fede sentita, pura, sincera e le sue strofe sono illuminanti:  “ Dovrà passare per assolverci/ un Cristo in terra che si salva/ che ci dice non si può passare/ sopra questa terra solo per pigliare”. Tutta l’opera di Romano Lepizzera è strettamente dialettale e questo rimanda al pensiero pasoliniano di una tutela di linguaggi locali che non devono andare perduti nell’omologazione di massa perché sono nostra memoria storica e bene prezioso. I Romano da Itri sono un gruppo affiatato, compatto, esperto, estremamente complesso e articolato che merita di essere ascoltato con attenzione ed avere tutto il successo che merita.

Per ascoltare un loro brano

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. In giuria prevalgono le Marianne

Al pubblico che si appassiona ai film in concorso non importa molto della giuria che li sceglie, ma è significativo che quest’anno al festival del cinema di Cannes, che si...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077