Sabato, 21 Luglio 2018 20:03

Teti editore. Eduard Limonov: “Zona industriale”. Recensione

Scritto da

Eduard Limonov, pseudonimo di Eduard Veniaminovich Savenko, è uno scrittore e politico russo, dalla personalità tanto complessa da essersi guadagnato in vita una biografia di Emmanuel Carrère, nella quale lui non si riconosce.

Fondatore del Partito Nazional-Bolscevico, messo fuori legge nel 2007, fermo oppositore di Putin, nella guerra civile jugoslava degli anni ’90 Limonov sostenne i serbo bosniaci al punto da combattere volontario a fianco dei cecchini del criminale di guerra Radovan Karadžic. L’occidente inorridito lo tacciò di nazismo. Eppure Anna Politkovskaja, il cui impegno sul fronte dei diritti umani è indiscutibile, scrisse di Limonov come una delle figure più pure della scena politica russa. Nell’aprile del 2001 Eduard Limonov fu arrestato con l’accusa di terrorismo, cospirazione contro l’ordine costituito e traffico di armi. Nel 2003 fu rilasciato per buona condotta.

“Zona industriale” edito da Teti, romanzo autobiografico di Eduard Limonov, racconta le vicende politiche e private dell’autore a partire dalla sua scarcerazione. Ambientato a Syry, ex area industriale nel centro di Mosca, dove lui abitava in un appartamento spoglio, testimonia la trasformazione di un quartiere simbolo che gli operai lasciano per la periferia e al loro posto s’insediano uffici, negozi, auto di grossa cilindrata. Dotato di un coraggio che l’ha portato a vivere scortato da guardie del corpo, messe a disposizione dal partito, Limonov fu capace di un atteggiamento profondamente mistico durante gli anni della prigionia che gli ha fruttato rispetto e, probabilmente, la libertà prima del tempo. Personaggio poliedrico con sfaccettature di luminosità e buio, nell’esporre il proprio credo filosofico Limonov evoca l’aggettivo “superuomo” a classificazione degli esseri umani, con alta concezione di se stesso come artista - a mio modesto giudizio non oggettiva – non esitando a paragonarsi a Lev Tolstoj. Curiose le sue concezioni sulle donne e sui bambini.

Eppure da queste ferme convinzioni, alcune associabili a sinistra memoria, sprigiona un’energia di vita che s’irradia nel privato e lo rende affascinante per la misteriosa convivenza di aspetti caratteriali contrastanti: cinismo e sensibilità, freddezza ed entusiasmo, abnegazione e individualismo, misticismo e scetticismo insieme. Un artista che intriga proprio per il suo porsi fuori dagli schemi, dotato di un sex appeal che, nonostante l’età –  in “Zona industriale” parla di peripezie con l’altro sesso avvenute dopo i sessant’anni – gli rende possibile la conquista di ragazze con trenta, quarant’anni, di meno. Coinvolgente il racconto del suo innamoramento e matrimonio con la bella attrice russa Ekaterina Volkova dalla quale ha avuto due figli. Coinvolgenti le avventure amorose con ragazze occasionali. “In zona industriale” Eduard Limonov, attraverso il suo vissuto contraddittorio e sincero, fa luce sulle sfaccettature della Russia del nostro tempo.

Teti editore 2018

Eduard Limonov

Zona industriale

Pag. 230 – Euro 16

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Donna alla finestra

Contro la sottile lastra di vetro si pigiavano dolorosamente i suoi pensieri.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Il ritorno dell'esule

Quelle terre così lontane al di là del mare. Quel suolo natio dove l’anima mia vola come l’ape di fiore in fiore. Lasciai macerie, una guerra dei sassi un canto selvaggio. Terra scossa inchiodata da un coperchio di...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Riflettere sull’oggi guardando a ieri. I processi decoloniali nell’opera di Jean…

In occasione del simposio “I AM HERE - on counter narratives from Europa” – organizzato a Milano da BASE in collaborazione con Arkipelago – abbiamo incontrato Jeannette Ehlers, artista danese...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 72. Netflix e la Croisette dei nativi digitali

Il 72mo Festival di Cannes si terrà dal 14 al 25 maggio 2019 e avrà come presidente di giuria il messicano Alejandro Gonzalez Iñarritu. Un suo conterraneo, Alfonso Cuaron, nel 2018...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Notre Dame de Paris: le reliquie salvate

Una scintilla, forse solo una stupida scintilla, si accende all’interno dei uno dei più conosciuti templi del cristianesimo, Notre Dame de Paris. Una scintilla che presto diventa una fiamma che...

Nicoletta De Matthaeis - avatar Nicoletta De Matthaeis

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]