Mercoledì, 08 Agosto 2018 11:02

Venezia 75. “Doubles vies” in concorso fa riflettere sulla rivoluzione digitale

Scritto da

Un film di Olivier Assayas, protagonista Juliette Binoche, in concorso alla Mostra di Venezia, apre il dibattito se il libro di carta sia morto. Avrebbe dovuto chiamarsi E - book, ma il titolo è stato cambiato in Doubles vies, Doppie vite. E’la vicenda di un editore di successo e di uno scrittore stravagante che gli propone una storia d’amore scritta al computer.

Alberto Barbera, direttore della Mostra, lo descrive “una commedia deliziosa su come la rivoluzione digitale ha cambiato le nostre vite”.Spiega il regista: “ Al contrario, il libro di carta è diventato una garanzia di qualità. L’e-book non soddisfa la nostra sensorialità. Abbiamo bisogno di toccare, annusare, strapazzare le pagine. Il virtuale ci tenta, ma poi sentiamo il bisogno di tornare a una realtà tangibile. Succede nell’editoria, nel giornalismo, nel cinema”.L’e-book, com’è noto, è un libro che non c’è, che non si può sfogliare ma che si può leggere. Se grazie a una macchina del tempo, potesse tornare sulla terra cosa ne direbbe Gutenberg, il geniale inventore dei caratteri mobili che nel 1455 ha rivoluzionato l’arte della stampa? 

A giocare con la macchina del tempo, ipotizzando charter dall’aldilà riservati ai grandi inventori, ci sarebbe da divertirsi: cosa direbbe il marziano di Flaiano che, sceso con la sua astronave in piazza del Popolo, ha conosciuto la Roma degli anni Sessanta, oggi irriconoscibile non solo per lui? E soprattutto cosa direbbe di quello che legge sui giornali e vede in televisione a proposito del suo pianeta che noi oggi fotografiamo in tutte le pose e stabiliamo con certezza che è brullo, inabitabile, con un grande lago ghiacciato al centro, un “pianeta rosso” su cui in tanti dicono che vorrebbero andare ma che sembra davvero inospitale.  Quanto all’ipotesi che ci sia vita, ci sono più battute spiritose che ricerche scientifiche. Un dubbio: che i terrestri si stiano stufando di Marte così come i romani si stufarono del marziano di Flaiano? 

Cosa direbbero gli imperatori romani Vespasiano e Tito, padre e figlio, se vedessero, loro che l’hanno cominciato nel 72 e finito nell’80 d.C., com’è ridotto oggi il Colosseo? Poco più di uno spartitraffico, una rotatoria per disciplinare la circolazione stradale, loro che lo vollero interamente coperto di marmi con una statua in ogni arcata e una folla vociante all’interno a entusiasmarsi per i giochi con le fiere e con i gladiatori. Oggi la folla è di turisti non tutti rispettosi della “maestà del Colosseo” (come cantava Venditti) tant’è vero che spesso qualcuno è sorpreso a incidere il proprio nome sul muro, il celebre anfiteatro Flavio costretto a fare da rassegnato sfondo a ridanciani selfie sotto gli occhi irrispettosi di “centurioni” con elmo e corazza di plastica, invereconde comparse messe li da un Sindaco improvvido a fare colore.

 

E tornando al cinema, cosa direbbero i fratelli Auguste e Louis  Lumière se vedessero le sale cinematografiche oggi trasformate in supermercati o sale da bingo, e i film “proiettati” su minuscoli aggeggi elettronici, (smart phone, tablet, ipad ecc.) loro che con L’arrivo del treno in stazione tre giorni dopo il Natale del 1895 avevano messo in fuga il pubblico convinto che la locomotiva sarebbe piombata in platea?   Netflix quest’anno ha vari film in concorso a Venezia ma in Mostra affascinano perché sono proiettati su grandi schermi in più sale, a giorni e orari diversi e si guardano con gusto. Conclude il regista Assayas: ”Per quanto riguarda il cinema meglio la pellicola, più sensuale e malleabile. Ma riconosco che il digitale dà risultati interessanti. Il vero choc è il passaggio dal grande schermo all’iPhone. Ma il cinema sopravviverà”. Musica per le orecchie dei Lumière. 

                       

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Europa

Resisti mia bella Europa verdeggiante culla dei secoli.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La ruota della vita

Si cresce e dentro si muore Si grida e nessuno ci ascolta.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quando l’intimità si fa politica attraverso la pittura. Intervista a Romina Bass…

Parlare di donne e politica in tempi di ritorno femminista significa addentrarsi in un periglioso terreno, col rischio che tutto venga fagocitato da nuovi slogan e propaganda di movimento.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 72. I diritti umani sulla Croisette. Tutti i premi

CANNES – Le opere cinematografiche create e scelte per la kermesse del 2019 distinguono la sensibilità di un gruppo sociale, il suo desiderio di indirizzare il mondo, in una parola...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Fertilità. L’orologio biologico non segue i nostri comodi

Convegno Rotary con il dottor  Alberto Vaiarelli, specialista di medicina della riproduzione, fondatore di ”Idee fertili”

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Serie A: il punto della situazione sul campionato 2018-2019

Facciamo una piccola considerazione sul campionato di serie A 2018-2019. All’inizio della stagione le famose griglie di partenza avevano molto fatto discutere, specialmente per via del fatto che il Napoli...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]