Lunedì, 03 Dicembre 2018 16:15

La Cometa che suona. A Rebibbia protagonisti i detenuti del Coro “Carlo Gesualdo”

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Ultime tappe di fine stagione della Cappella Musicale Costantina  

ROMA - Il Cammino della Cometa quest’anno porta al neonato Coro “Carlo Gesualdo” dei detenuti del Carcere di Rebibbia (Casa di Reclusione di Rebibbia). Il laboratorio corale è stato avviato lo scorso anno grazie all’Ufficio di coordinamento interventi in favore di detenuti ed ex detenuti del Comune di Roma (Matteo Cesaretti) e all’interesse del Garante dei diritti delle persone private della libertà personale di Roma Capitale Gabriella Stramaccioni. Iniziativa per la quale - la Cappella Musicale Costantina - vanta il patrocinio concesso dall’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale di Roma Capitale e della completa disponibilità di azione offerta della direttrice del Carcere Antonella Grella, per mezzo del dipartimento dell’Area Educativa coordinato da Rosaria Console.

Il 7 Dicembre alle ore 10.00, avverrà il terzo appuntamento della Rassegna nel periodo d’Avvento in cammino verso il Natale. In questa occasione il musicista Paolo De Matthaeis assieme a Suor Rita Del Grosso presenteranno gli eventi e le musiche affidate al Quartetto d’Archi della Cappella Musicale Costantina e alla voce del Baritono Edoardo Venditti. L’incontro fa da anteprima all’evento del 21 Dicembre, sempre alle ore 10.00, dove è prevista la prima esibizione ufficiale del Coro “Carlo Gesualdo principe di Venosa” dei detenuti. 

Per il consueto concerto Natalizio verranno presentati celebri cori e musiche appartenenti alla tradizione classica e dei cori alpini, l’organico tutto maschile dei detenuti sarà arricchito dal coro della Cappella Musicale Costantina e da una piccola orchestra che si misurerà cantando celebri brani di Vivaldi, Mozart e Bach.

Il coro dei detenuti della Casa di reclusione “Rebibbia”, diretto da Paolo De Matthaeis, ha eletto Carlo Gesualdo da Venosa come musicista rappresentativo, non tanto per le vicende cruente che lo hanno riguardato in vita ma, a tratteggiare una condizione di reclusione “mistica”, che pur senza pena, lo constrinse ad un isolamento forzato. Questo non gli impedì di comporre ed eccellere diventando uno dei più grandi polifonisti mai esistiti.

“Siamo riusciti a creare un gruppo armonioso, - afferma il direttore Paolo De Matthaeis - . I ragazzi sanno leggere la musica, intonano e persino compongono; s’avverte la consapevolezza di leggere oltre le note, recuperando i valori e colmando rapidamente ogni lacuna. Ho visto crescere velocemente “un gusto” e una “sensibilità” rivolta verso la propria persona in ricerca continua di fiducia e riferimenti”.

“Gli incontri del venerdì sono rivolti ad usare l’Arte, - continua De Matthaeis - prenderne possesso per conquistare una via d’espressione. Il coro non s’è mai fermato per tutta l’estate, è rimasto una delle poche attività di riferimento. Un motivo di svago e di rifugio per molti ma, con un obiettivo certo: quello di sapere di musica e d’altro - una specie di corso di scrittura creativa attraverso cadenze e passaggi armonici - scrivendo le note, le righe e le chiavi per un solfeggio speciale e intenso”.

“Il pensiero - conclude De Matthaeis - vola sempre ad un futuro libero, al dopo e alla riabilitazione, ma nel frattempo il presente coinvolge famiglie e comunità e realtà a margine. Rimango dell’idea che l’Arte non può vivere da sola, ha bisogno degli uomini che la cercano per stare insieme e con questo gruppo s’è trattato di artigianato rivolto alla costruzione di una idea che sa di redenzione.”

Il concerti sia del 7 che del 21 non sono pubblici.

Per i giornalist iè possibile accredditarsi direttamente presso la direzione del carcere.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Poesia

Il poeta

La cortina del pensiero è scesa sui miei occhi e ti vedo mio poeta. Nella stanza vuota piena solo dei tuoi sogni. Fuori la vita s’è fermata e la tua fantasia cerca di volare, ma tu la...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Capitale

Una donna Piange nel frastuono della città eterna Sembra un fagotto adagiato Il volto chino sul sudicio sagrato bagnato di pioggia e lacrime Nell' indifferenza di una giornata qualunque Uomini...

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Festival di Cannes

Cannes 71. Il 25 ottobre esce “Angel face”. Recensione

“Angel Face” ha debuttato al Festival di Cannes 2018 nella sezione Un Certain Regard, dedicata alle migliori novità dei giovani autori e il 25 ottobre arriverà nelle sale italiane.

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La “bella guagliona” di Bolzano che merita “Otto e mezzo”

La Sette è riconosciuta come il terzo polo televisivo italiano nel campo generalista. Il successo che le sta arridendo non è dovuto a programmi di facile ascolto e di resa...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

C’è un’alternativa nel trattamento dei rifiuti di cui non parla nessuno

Si tratta della la gassificazione al plasma, ovvero “del plasma o assistita dal plasma”, che può essere utilizzata per convertire materiali contenenti carbonio in gas di sintesi per generare energia...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Speech Art

La cultura como motor económico y social. El caso latinoamericano. Entrevista a …

El año pasado en Roma, en el marco de la conferencia “Cultura e Sviluppo, una prospettiva latinoamericana” al MAXXI, organizada por el IILA, nos encontramos con Trinidad Zaldívar, Jefa de...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077