Sabato, 16 Ottobre 2010 14:40

Avi Buffalo e Wild Nothing: piccoli gruppi crescono

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

“Gli Shins, li conosci? Devi sentire questa canzone ti cambierà la vita, te lo giuro.” Così una splendida Natalie Portman si rivolgeva a uno spaesato Zach Braff ne “La mia vita a Garden State”, film del 2004 che tra i suoi punti di forza aveva  una colonna sonora molto ben curata.

Sicuramente di canzoni degli Shins ne deve aver ascoltate molte Avigdor Zahner-Isenberg, cantante e leader degli Avi Buffalo, gruppo californiano di Long Beach e autori di uno degli esordi più promettenti di questo 2010. Il loro primo singolo, “What’s in it for?”dall’omonimo album sembra essere la più bella canzoni degli Shins non scritta dagli Shins: un pop-psichedelico con cantato in falsetto e un ritornello che ti entra in testa e non ti abbandona più. Ma anche il resto è all’altezza: si va da “Jessica”, canzone d’amore alla Lennon-McCartney  con testo tra lo spaccalacrime e il melenso, che avrebbe tutto per essere detestata ma dopo pochi ascolti scopri di non poterne fare a meno, a “Remember  last time” che inizia veloce per poi rallentare e dissolversi in una lunga coda strumentale, oltre sette minuti di intensa bellezza. Un ottimo lavoro, che pur non raggiungendo le vette dell’esordio dei loro compagni di scuderia Fleet Foxes -  entrambi i gruppi incidono per la Sub Pop, storica etichetta indipendente di Seattle – si candida ad essere ricordato per freschezza e intensità come uno dei dischi migliori di quest’anno, e soprattutto lascia ben sperare per il futuro, considerando il livello di maturità delle composizioni e l’età molto bassa dei componenti del gruppo, tutti intorno ai vent’anni.
Stessa cosa si può dire per un altro disco d’esordio, “Gemini” dei Wild Nothing, progetto solista di Jack Tatum, originario della Virginia e giunto al suo primo lavoro dopo trascorsi in altre band di minore importanza. Contrariamente agli Avi Buffalo, i cui riferimenti sono rigorosamente a stelle e strisce, la musica dei Wild Nothing sembra guardare più verso il pop chitarristico inglese di metà anni ottanta, Smiths e Cure su tutti. Ne esconi fuori pezzi intrisi di venature shoegaze, drum machine, sinth e voce sognante mai in primo piano, un risultato abbastanza simile a quello raggiunto da altri gruppi in un passato ben più recente, basti pensare a Radio Dept. e The Pains of Being Pure at Heart. La marcetta di “Chinatown”, i ritmi dance di “O Lilac” e “Bored Games”, le chitarre smithsiane di “Live in dreams” e “Summer holiday”, ma non solo: ognuno dei dodici pezzi può essere considerato un potenziale hit-single, in un disco che ha l’ulteriore pregio di riservare le cose migliori nel finale, vedi  “My angel lonely”,  con un intro che ricorda “Just like honey” dei Jesus and Mary Chain, la già citata “Chinatown” e la title-track, splendido pezzo finale che sembra essere uscito da “Disintegration” dei Cure.
Non ci cambieranno di certo la vita, ma sicuramente ce la renderanno più piacevole, i dischi degli Avi Buffalo e dei Wild Nothing: l’unico augurio che possiamo fare ad entrambi è che i successivi lavori non perdano in spontaneità e vivacità, non si verifichi insomma la cosiddetta  “perdita dell’innocenza”, in passato artefice del declino di band ancor più promettenti.   

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

Poesia

Ragazza di vita

Bellissima...  abitava nel suo corpo puro ma in egual tempo ingombrante nella sua sensuale pienezza. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

Cannes 77. Tutti premi della Cinéfondation

La giuria dei cortometraggi e della Cinéfondation composta da Damien Bonnard, Rachid Bouchareb, Claire Burger, Charles Gillibert, Dea Kulumbegashvili et Céline Sallette,  ha assegnato sulla scena del Grand Théâtre Lumière...

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni …

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni in un docu-crime di denuncia

Un racconto dettagliato di eccezionale impatto emotivo  rivissuto  dai suoi protagonisti  

Elisabetta Castiglioni - avatar Elisabetta Castiglioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Sport

E se fosse l'anno buono della Roma?

E se fosse l'anno buono della Roma?

Ad inizio campionato non era ritenuta tra le favorite per la lotta allo scudetto.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]