Lunedì, 12 Dicembre 2011 23:21

Fossati a Venezia, tra crisi e “decadance”

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Prima data veneta, sabato 11 dicembre, del “ Decandancing tour”  


VENEZIA - Al Teatro Malibran, piccola perla della lirica, è pienone, nonostante il prezzo del biglietto non sia affatto popolare.
Ma chi ama Fossati, non risparmia. E’ un pubblico, quello di Fossati, attento, colto, corretto, ordinato. Si potrebbe  addirittura tracciare un profilo del consumatore tipo della sua musica. Tra i quarantacinque e i cinquantacinque anni. Impegnato in attività culturali e sociali, per mestiere o per passione. Politicamente schierato a sinistra. In una parola che forse non va più di moda, radical chic.

Cinque minuto dopo le nove, nel buio,  la voce di Fossati recita “Davanti a noi stava comparendo Venezia e dopo tanti anni si era a casa. Avevamo le barbe grigie eppure anche in quel momento il cuore tornava in Persia e ai deserti della Mongolia o anche a quelle terre di Kublai Khan ribattezzate Katai ma che a Venezia definiscono Oriente. Il cuore tornava lungo quella strada che da oggi e per tanti secoli sarebbe stata chiamata la via della seta”.
Parole ispirate al ritorno di Marco Polo nella sua città, che sembrano scritte apposta per questa sera e che, invece, aprono ogni data di questa tournée.

Sulle note di “Viaggiatori d’occidente” e “Ventilazione”, brani del 1984, sale il sipario.
L’acustica non è delle migliori, forse un teatro nato per l’opera mal sopporta l’amplificazione.
Al centro del palco, sotto una luce blu, Fossati e il suo gruppo o, meglio, i suoi gruppi. Perché in scena ci sono le sue due anime. Una spiccatamente rock,  con  il figlio Claudio alla batteria, e una più classica, violoncello, fisarmonica e la struggente chitarra di Galardini.
Sullo sfondo del palco, la copertina dell’album, un mare turchese tra muri bianchi di sale.

Si prende una pausa, Fossati. “Forse qualcuno di voi ha sentito dire, molto probabilmente da me, che alla fine di questa tournée, io mi ritirerò. Ecco, volevo solo dirvi...” “Che non è vero” gridano dalla balconata. Adesso ride, ma riprende “E’ vero. Ma vi ringrazio tutti” Sobrio, riservato, preciso. Quasi chirurgico. Senza ritorno.

Seguono “La decadenza” e altre tracce dall’ultimo lavoro, “Quello che manca al mondo”e  “Settembre”, stupenda ballata che celebra un addio, nel più classico stile Fossati.

Ma è con i pezzi più vecchi che cambia il battito, in particolare con quelli da solo al pianoforte . “Lindbergh”, “Carte da decifrare”, “La musica che gira intorno”, passando per “La crisi”, datata 1979 e purtroppo ancora attuale, fino a “Carte da decifrare”, “La musica che gira intorno”, “C’è tempo”, “Di tanto amore”, “E di nuovo cambio casa”, “I treni a vapore”, “Una notte in Italia”. Non ci da tregua, Fossati, ci strapazza senza pietà.
Una scaletta foltissima, quasi trenta brani con i bis, alcuni dei quali da antologia. Gli ultimi due pezzi, “La costruzione di un amore” e “Il bacio sulla bocca”, fanno uscire qualche fazzoletto in galleria, l’emozione si taglia a fette.

Ancora un brano, da solo col flauto traverso, e Fossati saluta, ringrazia, esce di scena e ci lascia qui, a domandarci perché un artista, autore, polistrumentista del suo livello decida di abbandonare la musica.
Perché Fossati più di ogni altro ha saputo dare voce al cuore e non solo. Ha dato voce agli amanti scoraggiati, agli italiani disillusi, ai naviganti perduti, ai viaggiatori viaggianti.
E noi non siamo ancora pronti per cantare “benvenuto anche il tuo nome fra le future nostalgie”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

Romanzi e racconti

Note fuori margine. Terzo Episodio: "Divieto di non”

Note fuori margine. Terzo Episodio: "Divieto di non”

Il terzo racconto di “Note fuori margine” ci porta faccia a faccia con un ragazzo di 12 anni oppositivo doc!

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

L’organizzazione del  Festival di Cannes 2020 ha diffuso un comunicato per rendere noto che la rassegna cinematografica non si terrà nelle date previste 12-23 maggio. 

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]