Martedì, 30 Novembre 2010 21:05

Poesia. No woman's land. Diario di bordo del non detto

Scritto da

"E sentirsi cadere come una foglia, libera, imminente all' autunno, è solo sentore. La resurrezione è tacita e dolce, e porta i segni luminosi di un celeste peccato."

 

Assonante, questo estroflesso ascolto del sentimento dell' io lirico di Irene Ester Leo, quanto dissonante è la percezione palpabile di un intimo vuoto misterico, non consolatorio, mai sordo ai richiami del divenire.
Il Magnificat inaugurale innalza quasi a fenomenologia epistemologica la raccolta poetica della ricerca, ça va sans dire, di una collocazione diacronica del sè nel mondo, irradia con fiochi bagliori di istintuale denuncia il cammino che la giovane autrice intraprenderà nei versi successivi, inerpicandosi in esplorazioni gutturali, semiotiche, mnemoniche, pungolando il lettore barocco con figurazioni misticheggianti e carnali, in una raziocinante smania di interpretazione conoscitiva della Terra delle terre, che è il subconscio di ciascuno, la meta di molti, il feticcio di pochi, la patria di nessuno.

"Mi sono moltiplicata nella paura della mancanza,
ho cercato il mondo,
indossandole appena
le formiche dei colli rossi al tramonto."

Ecco, dunque, la Mise en abìme della programmatica rincorsa a ritroso nel tempo, verso un senso dell' esistere che, dilatando lo spazio e contorcendo il contatto fra i corpi, acuisce lo spaesamento intellettuale di un' anima stilettata dalla vulnerabilità delle viscere e dal sinestetico sapore dei ricordi.

"So dell' illusoria falce,
delle Moire e della tela,
della squarciata vittoria
che salvifica, pietrifica,
brucia,
colora,
disadorna e subbuglia,
cambia l' aroma."

Sono queste le elucubrazioni di un anti flaneur, di un alchimista dalla vocazione biologa, di un collezionista di francobolli del sublime.
Der Wanderer, il passeggiatore ramingo che scalpita nei precordi dell' uomo del XXI secolo, alimenta la propria quotidianità in un fluire indefesso di chocs discontinui e urticanti, che tenta disperatamente di arginare con l' esercizio dialogico della filosofia della scienza.
Il ricorso alla trascendenza simpatetica non appare dunque quale spinta inconsapevole verso una panacea simil religiosa, nè può esser tacciata di capriccioso edonismo nostalgicamente accattivante; lo spaesamento dell' odierno viaggiatore non è più atto d' accusa verso una società dal vorticoso degradarsi capitalistico, nè verso l' atomizzazione del pensiero e la spersonalizzazione agorafobica dei corpi.  
Paradigma ultimo della filologia di questo ricercatore girovago è sempre una lucida vivisezione del sentimento della Natura, un' analisi prospettica del rapporto con le proprie radici, culturali e ctonie, familiari e sovrastrutturali della società contemporanea, autocelebrativa per contratto, commemorativa per abitudine, meridionale e beffarda come un' algida Chimera.

"L' inevitabile è un personaggio con le tasche piene
di affascini, li gestisce, li ammette.
E siamo stretti, due nodi noi,
quando la notte saluta e va
e ci lascia la sagoma perfetta, tra il lino e la sete,
di un illustre inganno."

Se la poesia non espone certamente in saldo facili istruzioni al dispiegamento del sè, Irene Ester Leo si pone, per sua stessa ammissione, quale tramite di un flusso vitalistico in perpetuo movimento, che attraversa tanto le esperienze privatissime quanto la scrittura collettiva, in un sinestetico agglomerato di energie saziato dalle assenze, riecheggiato dai silenzi, fisicamente smaterializzato nella sua concretezza, proiettato al di là di Una terra che nessuno ha mai detto.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

La cultura dentro e fuori l’Accademia. Intervista a Julia Draganović

Abbiamo incontrato la neodirettrice di Villa Massimo, Accademia tedesca a Roma. Con lei abbiamo parlato di promozione culturale, del senso della Istituzione che guida e di come la cultura sia...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]