Giovedì, 01 Marzo 2012 16:21

“Attenti al lupo”, si è portato via Lucio Dalla. Video

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

MONTREAUX  - Quando muore un creativo che ha accompagnato, spesso in maniera terapeutica, la nostra giovinezza: dando colore, suono, alle nostre emozioni, se ne va anche una parte di noi e tutti ci ricordiamo del lupo. Quel lupo che bussa quando è la nostra ora.  


Lucio Dalla era nato a Bologna, il primo marzo 1943, suo padre era direttore del club di tiro a volo (Dalla scriverà  "Babbo, che eri un gran cacciatore di quaglie e di fagiani...", in  “Come è profondo il mare”), sua madre, casalinga e sarta. E’ stato suo zio Ariodante Dalla, noto cantante melodico popolare negli anni quaranta e cinquanta, a trasmettergli il gene della musica. A sette anni, orfano si padre, Lucio suonava la fisarmonica e si esibiva nelle recite scolastiche. A tredici anni la mamma gli regalò un clarinetto.  Alcuni clienti della madre, come pagamento  di lavori di sartoria, concessero a  lei e al figlio di usufruire di una casa al mare a Manfredonia: da qui il grande amore di Lucio per il mare. A Manfredonia in età matura Dalla realizzò anche uno studio di registrazione.

Lucio Dalla – Com’è profondo il mare


Agli inizi entrò nel gruppo dei Flipper, che accompagnavano Edoardo Vianello, ma  durante il Cantagiro del 1963 Gino Paoli lo persuase a tentare la carriera da solista A 21 anni, Dalla incise il suo primo 45 giri contenente Lei (non è per me). Il suo esordio al Cantagiro 1964 in cui presentava proprio Lei, scritta da Paoli, fu descritto così alla rivista  “Tutto. Musica e spettacolo” da Gino Paoli stesso: «Fu un fiasco di rimarchevoli proporzioni, ogni sera infatti raccattammo una buona dose di fischi e di pomodori, uno spettacolo nello spettacolo, che durò quanto la manifestazione. Lucio, in ogni modo, si mostrò veramente un duro, e non si lasciò abbattere».

Lucio Dalla, per la terza volta, partecipò al Festival di Sanremo del 1971 con “4 marzo 1943”, su parole della poetessa Paola Pallottino, guadagnado il terzo posto. Il brano conobbe gli strali della censura, essendo stato intitolato inizialmente Gesù Bambino e giudicato irrispettoso,  anche per la storia narrata di una ragazza madre, figlia di un ignoto soldato americano: insieme ad alcune parti del testo ,  il titolo fu cambiato ex abrupto, prendendo a spunto la sua data di nascita, pur non essendo una canzone autobiografica. Il brano ottenne comunque un successo notevole, fino allora mai raggiunto da Dalla, e fu interpretato in francese, nello stesso anno, da Dalida , e portata al successo oltreoceano da Chico Buarque de Hollanda.



Lucio Dalla – 4 marzo 1943


Nel 1973  Lucio Dalla iniziò una collaborazione con il poeta bolognese Roberto Roversi che attraversò quattro anni e tre album, definiti dalla critica fondamentali per la canzone d'autore italiana.  Alla fine degli anni settanta incise il  45 giri Ma come fanno i marinai, scritto e cantato in collaborazione con Francesco De Gregori. Il brano è nato in modo abbastanza casuale, come racconta De Gregori: «La canzone, forse la gente non ci crede, è nata a pranzo, quando, dopo il caffè, ci siamo messi a suonare insieme».  Oramai Lucio Dalla era, come si suol dire,  “un uomo arrivato”. Semplificando molto la sua carriera si divide in  quattro periodi: le origini (tra il 1964 e il 1972 con il gruppo musicale "Gli Idoli”), il periodo Roversi (tra il 1973 e il 1976), la maturità artistica (tra il 1977 e il 1993) e la fase pop degli ultimi anni.
Ci ha lasciati a causa di un infarto, il 1 marzo 2012 in albergo a Montreux, in Svizzera, dove si trovava per il tour europeo, inaugurato due giorni fa. Avrebbe compiuto 69 anni domenica 4 marzo e li avrebbe festeggiati sul palco del teatro du Léman a Ginevra: non sapeva che il lupo sarebbe arrivato all’improvviso.


Lucio Dalla – Attenti al lupo

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Arriva da Cannes Tesnota (Closeness) del pluripreamiato Kantemir Balagov

E’ oggi sugli schermi italiani il film che a Cannes ha rivelato a Kantemir Balagov, Tesnota (Closeness.) Con uno stile molto personale fatto di silenzi e primi piani, Balagov in...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Sport

Il punto della situazione dopo le prime giornate per il campionato di serie A

Le prime giornate di campionato ci mostrano quali sono state le squadre che si sono comportate meglio, sia per qualità di gioco, sia per capacità di rimonta e di portare...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]