Mercoledì, 26 Giugno 2013 15:51

Anniversari. Antoni Gaudì ovvero l’estro architettonico. Video

Scritto da

ROMA - Chiunque, anche i meno interessati all'architettura (la sua fu e resta straordinaria) lo conosce, almeno per aver visto in foto una delle sue opere, così particolari.  Parliamo di Antoni Gaudì, di cui è ricorso  l’anniversario della nascita, il 25 Giugno. E' stato uno degli architetti più rivoluzionari, non soltanto per l'architettura catalana, ma anche per quella mondiale.

Con il suo ingegno, il suo tocco,  si ammira qualcosa che poi è stata fonte di ispirazione per tutte le generazioni di "creativi" e costruttori di idee a venire. Nacque a Reus, il 25 giugno 1852, nella Catalogna meridionale, nella provincia della Terragona. Era il quinto di cinque figli. Dal 1869 studiò a Barcellona: periodo fertile nel quale entrò in contatto con i fermenti e le spinte di rivendicazione della cultura catalana, quel momento più forti che mai. Una causa che sposò tutta la vita .

Nel Febbraio del 1878 si diplomò alla Scuola Superiore di Architettura e a soli 31 anni, a pochi dal diploma, nel 1883 -  dopo  l'Esposizione Universale di Parigi del 1878, dove conobbe quello che fu il suo mecenate, l'industriale catalano Eusebi Guell -  gli venne affidato un compito di grandissima responsabilità e prestigio,  l'immensa e mastodontica opera  Sagrada Familia, cattedrale di cui costruì la cripta e l'abside. 

A quegli anni  risalgono la Casa Vincens  (1883) e Palazzo Guell (1887). Agli inizi del '900 la Casa Calvet, edificio che ottenne il premio dal Comune di Barcellona per la migliore opera. Nelle sue costruzioni si sente il rifiuto per l’idea "tradizionale" dell'architettura, la presa di posizione verso gli influssi di quello che, oltre al modernismo catalano (che ha  giocato un ruolo fondamentale), è il fitomorfismo, ossia il concetto che "la natura non vada copiata ma capita nel suo processo".

Nel 1904 Josep Batlló,  industriale tessile, affidò a Gaudí l'incarico di rimettere a nuovo un modesto palazzo acquistato l'anno precedente sul Passeig de Gràcia a Barcellona. Il lavoro di Gaudí, completato nel 1907, modificò notevolmente l'aspetto dell'edificio, considerato oggi una delle opere più originali del celebre architetto. “La casa Batttlò”, come viene chiamata,  è stata dichiarata, nel 2005, patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. Per avere un’idea dell’estrosità e dell’arte di Antoni Gaudì guardate il video.

Non è possibile dunque non festeggiare l'anniversario della nascita di un grande professionista, prima di tutto "Artista" che ha rivoluzionato un mondo  in senso architettonico e non solo.

 

Antoni Gaudì – Casa Battlò - Video

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]