Venerdì, 30 Agosto 2013 00:08

La Cina è sempre più vicina. Hou Hanru nuovo direttore del MAXXI di Roma

Scritto da

ROMA - Presentato a Roma, con una lunga conferenza stampa, il nuovo direttore artistico del museo MAXXI, il curatore e critico cinese Hou Hanru, voluto dal Consiglio di Amministrazione (composto da Beatrice Trussardi, Monique Veaute e dalla presidente della Fondazione, Giovanna Melandri) e selezionato tra i venti papabili, inizialmente individuati.

Dopo l’introduzione di Giovanna Melandri - incentrata sul ruolo del CdA nell’incremento dei visitatori della struttura e nell’aumento di finanziamenti privati - Hou Hanru ha preso la parola introdotto da un più ficcante intervento di Monique Veaute circa le aspettative del Museo verso il nuovo direttore.

L’approccio teorico e socio-politico del neodirettore (con una grande esperienza internazionale come curatore Biennali e consulente di grandi istituzioni artistiche) fa ben sperare rispetto alla sua intenzione di trasformare il museo in un centro di ricerca, un laboratorio che non intende trascurare la relazione con la città, in cui emerga chiaramente una riflessione sul ruolo e la responsabilità di artisti, critici, curatori, urbanisti, designer, rispetto alla negoziazione di nuovi valori che emergono nella società in questo tempo di crisi.

Con una pacatezza ed un garbo tipicamente orientali, ma con piglio rigoroso, Hou Hanru si è detto  sicuro che il MAXXI – da lui definito ancora un bocciolo - diventerà presto un fiore come gli altri disegnati da Zaha Hadid in diversi Paesi. Anche se il riferimento all’estero ha negato l’allusione ad un modello da importare, esprimendo – al contrario – una condivisibile idea di internazionalità,fatta di rispetto delle differenze e sguardo critico ed interpretativo sulla società. Hou Hanru ha citato Kant e Gramsci come esempi, in tal senso, di uomini che pur non avendo viaggiato per il mondo, sono stati in grado di spiegarlo. Ma, a tal proposito, se si apprezza la visione del neodirettore, di certo non si può non domandarsi sull’effettiva esistenza, oggi, di intellettuali di tale portata. A parte ciò, i suoi riferimenti alla democrazia e all’approccio alla crisi, nei termini di superamento e consapevolezza, lasciano intravedere una visione ampia del lavoro a cui si appresta, con riguardo non solo alla proposta culturale ma anche – ci si augura - alle eventuali ripercussioni sociali che l’attività di un museo dovrebbe avere.

Infine l’interrogativo che rimane è quello circa la relazione tra il neodirettore artistico e le direttrici Anna Mattirolo e Margherita Guccione, fino a ieri le uniche a capo del MAXXI Arte, la prima, e del MAXXI Architettura la seconda. Come verranno gestite le competenze? Nel nuovo museo senza divisioni tra discipline, basterà quell’aggettivo sulla carta (artistico) a fare la reale differenza?

   Federica La Paglia

Critica, curatrice di arte contemporanea e consulente comunicazione

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]