Domenica, 23 Febbraio 2014 07:54

Al Vittoriano l’ex stazione d’Orsay con i suoi capolavori

Scritto da

ROMA - Una ex stazione ferroviaria parigina all’interno di un illustre spazio espositivo romano, o per meglio dire la ricostruzione, benché decontestualizzata, di uno dei più importanti musei francesi – tra l’illustrazione della storia architettonica delle sue trasformazioni ed una selezione dei migliori capolavori pittorici che contiene – in una Nazione che di Arte può scrivere intere enciclopedie. Discutibile o meno, questa scelta – compiuta da Alessandro Nicosia (Comunicare Organizzando) e proiettata negli spazi del Vittoriano fino all’8 giugno – è ora una realtà che ha coinvolto in primis il presidente dei Musées d’Orsay et de l’Orangerie, Guy Cogeval, curatore insieme a Xavier Rey , direttore delle collezioni e conservatore del dipartimento di pittura del Musée d’Orsay, delle quasi settanta straordinarie opere presenti in mostra. 

 

L’esposizione procede lungo un doppio binario: da una parte la storia architettonica ed ingegneristica del museo, attraverso la quale si possono ripercorrere le tappe della nascita, la costituzione delle collezioni, i progetti di utilizzo degli spazi e le varie tipologie di allestimento – grande merito va alla compianta Gae Aulenti ed al suo innovativo progetto di recupero del 1980, unico al mondo; sull’altra sponda, invece, la “crème de la crème” dei quadri presenti al D’Orsay. Ciò che colpisce maggiormente in questo ambito non è solo l’azzeccatissima scelta dei migliori quadri, che vanno dall’arte dei Salon e dei primi esperimenti antirealisti alle ricerche atmosferiche più coinvolgenti del periodo impressionista, ma la fedele illuminazione e coloratura degli ambienti che li ospitano, riproducendo in toto un analogo effetto visivo e subliminale nell’impatto con questi capolavori assoluti. E così, dagli “emergenti” Cabanel, Bouguereau ed Henner, che ottennero grande successo nel decennio 1860-1870, si passa con meraviglia alla Scuola paesaggistica e poetica di Barbizon per cedere il passo ai fautori della pennellata frammentata che vedrà l’impressionismo trionfare grazie a nomi come Sisley, Monet, Pissarro, Seurat, Renoir e decine di altri pittori dall’istinto emozionale sviluppatissimo. 

 

Il confronto con il pensiero e la tecnica nella ricerca di un adeguamento al progresso e all’industrializzazione della capitale francese, è poi ben espresso  formalmente dal gruppo dei cosiddetti nabis in un nuovo registro di forme sempre e comunque intriso da un particolare contenuto emotivo. L’esposizione si conclude trionfalmente nel grande spazio al pianterreno del Vittoriano con imponenti soggetti figurativi che denotano sia l’eredità filtrata dall’impressionismo, come i pontillinisti che portano le macchie di colore all’esasperazione o lo stesso Monet che aggiunge colori “altri” all’amata Natura ritratta, sia la fuga da questo nel riavvicinamento ai valori classici, evocati dall’abbandono della prospettiva a favore di una pura dimensione decorativa. La mostra va visitata per tre motivi. Il primo è estetico e dunque emozionale: ci si immerge nella sconfinata Bellezza di opere immortali ed uniche che segnarono la storia e l’evoluzione della pittura francese alla fine del XIX secolo. Il secondo è socio-didattico: ripercorrere visualmente le tappe che segnarono la rinascita di uno spazio proveniente da destinazioni e identità, diverse finalizzandolo all’Arte, dimostra la volontà emozionale e l’apertura mentale di un gruppo di persone il cui lavoro fisico e mentale ha spalancato i portoni di tutto il mondo consentendo a milioni di turisti ignari di scoprire ogni giorno gli incredibili capolavori del Musée d’Orsay. Il terzo è la necessità di un confronto-critico che – pervaso dalla perplessità iniziale di una simile operazione – deve portare alla riflessione che Italia e Francia vivono continuamente un fecondo scambio culturale, integrando i rispettivi e gloriosi passati artistici con un dialogo in fermento: portare l’impressionismo francese e la sua maggiore struttura di appartenenza di fronte al Foro Romano non vuole essere una “sfida”, ma una conversazione estetica di qualità protesa a stuzzicare e nutrire i nostri occhi all’infinito.

Unica pecca della mostra? Forse l’immagine simbolo: “Le repas” di Paul Gauguin: non era meglio affidarsi a più note raffigurazioni impressionistiche?

 

 

MUSÉE D’ORSAY. Capolavori

Roma, Complesso del Vittoriano

22 febbraio – 8 giugno 2014

a cura di Guy Cogeval e Xavier Rey

coordinamento generale Alessandro Nicosia

dal lunedì al giovedì 9.30 –19.30; venerdì e sabato 9.30 – 23.00; domenica 9.30 – 20.30
La biglietteria chiude un’ora prima
Costo del Biglietto: € 12,00 intero; € 9,00 ridotto
 HYPERLINK "http://www.comunicareorganizzando.it" \t "_blank" www.comunicareorganizzando.it

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Ragazza di vita

Bellissima...  abitava nel suo corpo puro ma in egual tempo ingombrante nella sua sensuale pienezza. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Odd agency, artigiani dell’hi-tech tra reale e virtuale a lavoro per la cultur…

Odd agency, artigiani dell’hi-tech tra reale e virtuale a lavoro per la cultura. Intervista

Abbiamo parlato con Fabrizio Pedone, socio della start up che, utilizzando intelligentemente la tecnologia, realizza eventi multimediali di grande qualità, in particolare video mapping 

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Ricerca. Al Policlinico Gemelli di Roma scoperto un biomarcatore che prevede l…

Ricerca. Al Policlinico Gemelli di Roma  scoperto un biomarcatore  che prevede la gravità del Covid-19

Intervista a Veronica Ojetti, gastroenterologa e professore del Dipartimento di Scienze dell’emergenza, anestesiologiche e della rianimazione della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e ricercatore di Medicina Interna all’Università Cattolica...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

E se fosse l'anno buono della Roma?

E se fosse l'anno buono della Roma?

Ad inizio campionato non era ritenuta tra le favorite per la lotta allo scudetto.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]