Sabato, 15 Marzo 2014 11:00

Il MACRO orfano: stato di fatto e blitz d'artista

Scritto da

ROMA - Un sollevatore di coscienze critiche si muove nella Capitale. È l’artista Iginio de Luca che mette in atto una serie di blitz notturni, come lente di ingrandimento evidenziano l’assurdità, il grottesco o il drammatico dei fatti socio-politici italiani.

Puntuale come un orologio l’artista agisce in risposta agli accadimenti.

Ora è il turno del museo MACRO di Roma, al centro delle polemiche, dello sbigottimento e oggetto del dissenso di cittadini e addetti ai lavori che vedono il museo comunale di arte contemporanea dalle sorti sospese a causa delle mancate decisioni del Comune. Il sindaco Marino e l’assessore Barca non muovono un passo in merito al museo inaugurato, nella sua nuova ala, solo cinque anni, con un dispendio di risorse economiche e professionali notevoli.

Con il cambio di amministrazione, allo scadere del contratto del direttore, come consuetudine il Comune avrebbe dovuto nominare un nuovo direttore. La nomina non è mai arrivata e al momento vi è un direttore ad interim, Giovanna Campitelli, in attesa di un oramai famigerato concorso che dovrebbe liberare il museo dal vincolo delle nomine politiche. Anni addietro si è parlato della costituzione di una fondazione, che avrebbe favorito una nomina per titoli. La fondazione non è mai stata costituita, ora Roma è in crisi economica e i contratti dei lavoratori del MACRO sono scaduti. Conclusione: a parte i custodi, al museo mancano curatori, register, ufficio stampa, pr, etc. etc. Il museo non funziona, e al momento ospita pure degli artisti in residenza, arrivati – come da programma – il 28 febbraio, ma privati del personale che avrebbe dovuto seguire il loro lavoro.

Il museo è orfano. Proprio così lo definisce Iginio de Luca, e per questo durante la notte tra il 13 e il 14 marzo ha proiettato un video di lattanti urlanti e piangenti sulle facciate delle due sedi (a via Nizza e al Testaccio).

“Il pianto dei neonati è anche il mio, è anche il nostro, talmente forte e drammatico che diventa un grido di protesta che squarcia la notte godereccia, provinciale e senza coscienza di Roma” dice l’artista. E il Macro diventa la metafora della condizione dell’arte e della cultura in Italia, abbandonata a sé stessa, senza un “genitore” che si preoccupi della sua salute, del suo benessere, delle sue sorti. Si pensi a Pompei, alla fatica con cui lavora la Pinacoteca di Brera etc.

Cosa sarà di questo museo?

Un gruppo di addetti ai lavori, artisti e curatori soprattutto, ma anche collezionisti e galleristi, hanno dato vita alla Consulta per l’arte contemporanea, una associazione a cui stanno aderendo anche cittadini – nella loro veste di visitatori dei musei e contribuenti – che si è posta l’obiettivo di controllare l’operato dell’assessorato, di interloquire con l’autorità per suggerire e stimolare un dialogo sul museo e politiche culturali adeguate. Al momento la Consulta ha costituito tavoli di lavoro su tematiche urgenti, che partono dal Macro e si allargano alla gestione dell’arte in città. A questo punto bisognerà seguire il MACRO monitorando le azioni dell’istituzione preposta e cercando di capire se alle intenzioni dichiarate dalla Consulta seguiranno azioni coerenti e capaci.

Nel frattempo l’orfano piange.

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Il mondo muore

Un freddo è sceso nel mio cuore l’ansia mi stringe la gola acuti spigoli feriscono l’anima.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]