Martedì, 25 Marzo 2014 19:01

Piero Manzoni. A Palazzo Reale dal 26 marzo la retrospettiva

Scritto da

MILANO - Si aprirà domani al Palazzo Reale di Milano la grande retrospettiva ‘Piero Manzoni 1933-1963’, dedicata appunto a uno degli artisti più geniali, inventivi, irriverenti e provocatori dell’arte italiana del secolo scorso.

La mostra sarà visibile fino al 2 giugno, nella città che non gli diede i natali, essendo Manzoni nato a Cremona, ma dove l’artista trovò terreno fertile per dare impulso vitale alla sua arte radicale e controversa. Saranno 130 le opere esposte (dagli Achomes fino alla Merda d’artista) che racconteranno la breve carriera artistica di Manzoni, scomparso prematuramente a soli trent’anni per un’infarto. 

Insofferente a ogni condizionamento accademico Manzoni, con instancabile spirito creativo e provocatore, riuscì a rompere ogni canone artistico, con la volontà di esprimere ‘l’inesprimibilità dell’arte stessa’. Impiegando materiali insoliti (cotone, spugne, pane…) fu precursore di una certa ‘pittura oggettuale’, come pure dell’arte povera, ma anche anticipatore di alcune correnti concettuali. “Non c’è niente da dire, c’è solo da essere, solo da vivere”, ripeteva Manzoni, considerando il quadro finito una sorta di contenitore di colori compressi e significati innaturali.  Del ’57 sono gli Achromes, i quadri bianchi sulla cui superficie si addensano materiali di varia natura. Mentre nel ’60 cominciano le sperimentazioni e le  operazioni ‘dadaiste’ e spaesanti tese a demistificare il concetto di arte. Basti pensare alla creazione della linea continua della lunghezza di un chilometro arrotolata su se stessa, inserita all’interno di una scatola di legno, o quando presentò le ormai celebri  scatolette sigillate di ‘merda d’artista’, o il palloncino di gomma sgonfiato contente ‘il fiato d’artista’.  E’ l’artista dunque che con intenzionalità ironica conferisce artisticità all’oggetto. Con lo stesso spirito Manzoni nel ’61 firmava i corpi di alcune modelle, trasformandole nel momento stesso dell’esecuzione della firma, in opere d’arte.

La mostra è realizzata nell’ambito della Primavera di Milano. Il catalogo della mostra è edito da Skira e  nella collana SMS Skira Mini Saggi, sarà disponibile anche una Breve storia della merda d’artista firmata da Flaminio Gualdoni.

Orari: lunedì 14,30-19,30; da martedì a domenica 9,30-19,30; giovedì e sabato 9,30-22,30.

La biglietteria chiude un’ora prima. Costo del biglietto 12.50 euro

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]