Venerdì, 04 Aprile 2014 12:18

La nuova Persepoli. Il ministro dei Beni Culturali rilancia l'alleanza pubblico-privato

Scritto da

ROMA - Di Dario – “colui che possiede il bene”, in antico persiano- è rimasta soprattutto la trasformazione di Persepoli, diventata grazie a lui straordinaria città d’arte. Dario I° di Persia, detto il Grande: da allora questo nome, Dario, si carica di un significato particolare.

Di Dario Ministro dei Beni Culturali e del Turismo, all’inizio del suo mandato, ha colpito l’ostinazione con cui un uomo politico di primo piano -già segretario del PD, e protagonista delle vicende politiche dell’ultimo decennio- ha voluto questo incarico. Poteva tranquillamente ambire a un altro incarico, più “pesante” nella logica della vecchia politica (gli Esteri, l’Interno, la Giustizia). Eravamo del resto stati abituati, da lungo tempo, a Ministri della Cultura di due tipi: politici in caduta o in punizione , che vivevano questo incarico come residuale; o tecnici, più o meno illuminati e preparati, incapaci di mordere sulla macchina amministrativa. Franceschini si è messo nel solco dei grandi ministri della cultura. L’Italia ne ha avuto quattro: due, politici (Giovanni Spadolini e Walter Veltroni) e due tecnici (Alberto Ronchey e Antonio Paolucci). La lunga decadenza del ruolo della cultura in Italia, e anche del turismo, è strettamente connessa, specie nell’ultimo ventennio, al disinteresse con cui si è guardato da parte dei partiti e dei governi alle politiche di questo dicastero.

 

Dario Franceschini, prima e dopo il breve pit-stop di salute da cui sembra uscito forte e ritemprato, ha poi annunciato un programma che, se realizzato, diventerebbe una vera rivoluzione per il Paese. L’alleanza pubblico-privato, lungi dall’essere la riproposizione del modello Mac Donald di bondiana memoria, è una sfida economica e morale al capitalismo italiano: se e quanto, nei suoi grandi gruppi, ma anche nella rete diffusa di piccole imprese e con la promozione di start-up giovanili, il mondo privato possa dare un contributo ad un “nuovo rinascimento”, come ama dire con un po’ di enfasi Matteo Renzi. Non si tratta di tagliare la spesa pubblica in cultura: si tratta di affiancare, con precise ipotesi operative (alcune le ho recentemente avanzate ne Il potere dell’arte, Datanews editore 2013), a un volano pubblico, da rafforzare, un largo concorso privato, sotto il controllo di sovraintendenze semplificate e riunificate.

Su questo Artemagazine stimolerà, criticherà o applaudirà quando necessario, l’azione del Governo.

Si potrebbe cominciare dal progetto alla base di tutto: realizzare la grande enciclopedia digitale dei beni culturali, da affidare alla mobilitazione di una nuova generazione.

Non sappiamo se è il tempo di una nuova Persepoli. Ma sappiamo sicuramente che la politica riprenderà prestigio se dimostrerà capacità di ascolto e forza di decidere. Coraggio, Dario.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]