Mercoledì, 23 Aprile 2014 18:22

Pasolini, la vita, le opere, la “sua“ Roma in una grande mostra nella Capitale

Scritto da

ROMA - Il Palazzo delle Esposizioni di Roma inaugura una mostra che  ricorda la figura di Pasolini , uno dei più significativi intellettuali del .XX secolo  che è riuscito a reinterpretare l’immagine della città di Roma, incarnandola in chiave poetica.

Pier Paolo Pasolini  ha lasciato contributi nel mondo della poesia, drammaturgia, linguistica, del giornalismo e del cinema."Pasolini Roma", un binomio in cui si ritroverà il filo conduttore che permetterà di tracciare - lungo un quarto di secolo - il percorso della sua incredibile vitalità creativa: i luoghi in cui ha vissuto, in cui ha ambientato romanzi e film, la poesia, il cinema, gli amici, gli amori, le persecuzioni, le lotte e gli impegni profusi per la città. Una mostra che mai prima d'ora è stata tanto ricca di materiali, molti dei quali  inediti. La mostra è organizzata cronologicamente in sei sezioni, dall'arrivo dello scrittore a Roma nel 1950, fino alla notte della sua tragica morte ad Ostia nel novembre del 1975. Pasolini è stato un osservatore attento della trasformazione della società del dopoguerra suscitando spesso polemiche per la radicalità dei suoi giudizi assai critici nel confronto delle abitudini borghesi e della società dei consumi italiana. a mostra, che prende il via dalla fuga di Pasolini con la madre da Casarsa, è stata curata, insieme a Jordi Balló e Alain Bergala, da Gianni Borgna, l’intellettuale già assessore capitolino alla Cultura dal 1993 al 2006, amico e collaboratore di Pasolini, scomparso nel febbraio scorso, a due mesi dall’inaugurazione dell’esposizione. Per approfondirne i temi, il Palazzo delle Esposizioni propone anche una serie di incontri, due concerti dal vivo e una rassegna dell’opera cinematografica.Il percorso espositivo, visitabile fino al 20 luglio, segue i luoghi del territorio romano in cui Pier Paolo Pasolini ha vissuto, ha ambientato romanzi e film, si è ispirato per la sua poesia. Attraverso le sezioni cronologiche si approfondiscono le relazioni, le persecuzioni e le battaglie civili e politiche che l’intellettuale Pasolini portò avanti nella sua città d’azione, che per lui rimase sempre il principale punto di osservazione dell’intera società italiana, di cui fu analista eretico e profetico al tempo stesso. Spezzoni di film-culto come 'Uccellacci e uccellini' o 'Teorema', pagine di diario, appunti di viaggio, qualche apparizione televisiva, scatti insieme alla Magnani, alla Callas, a Orson Wells o Jean Luc Godard, le pagine dei suoi libri, le testimonianze di una battaglia civile e politica senza soste: è la grande mostra che palazzo delle Esposizioni dedica dal 15 aprile al 20 luglio a Pier Paolo Pasolini, intellettuale a tutto tondo, ma soprattutto grande visionario capace di rivelare nei suoi 25 anni romani un'immagine della città eterna (e della società occidentale) ancora oggi di spiazzante attualità. Non è un caso che la mostra sia stata un successo nelle due precedenti edizioni al Centro di Cultura contemporanea di Barcellona e alla Cinemateque Francaise di Parigi, evidenziando come i giovani si siano avvicinati con entusiasmo alla lettura pasoliniana della civiltà occidentale, che porta un messaggio di verità dirompente ancora oggi .testimoniando con la sua vita il senso e la forza di una comunità culturale solidale, che all'epoca gli fa quadrato nei 32 processi di cui è al centro. E fino alla sua tragica morte. Non è un caso che la mostra sia stata un successo nelle due precedenti edizioni al Centro di Cultura contemporanea di Barcellona e alla Cinemateque Francaise di Parigi, ha concluso Jordi Ballò, evidenziando come i giovani si siano avvicinati con entusiasmo alla lettura pasoliniana della civiltà occidentale, che porta un messaggio di verità dirompente ancora oggi.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]