Mercoledì, 23 Aprile 2014 20:57

Mostra a Roma. La città di Cerveteri, gli etruschi e il Mediterraneo

Scritto da

ROMA -Il palazzo delle esposizioni di Roma ospiterà fino al 20 luglio “gli etruschi e il Mediterraneo.  La città di Cerveteri.”, mostra a cura di Françoise Gaultier, Laurent Haumesser e Paola Santoro ma anche di  Vincenzo Bellelli, Alfonsina Russo Tagliente e Rita Cosentino.

L’evento capita nel l’anno del decimo anniversario dell’ingresso della necropoli etrusca della banditaccia nella World heritage list dell’Unesco. Organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo, in collaborazione con il Musée du Louvre-Lens, la mostra rappresenta un’occasione irripetibile per raccontare in modo nuovo la storia di una straordinaria civiltà del mondo antico, quella etrusca. La singolarità dell’evento persiste nel desiderio di sottolineare l’importanza che ricopriva la città, chiamata Kaisraie dagli Etruschi, Agylla per i Greci e Caere per i Romani, ma soprattutto anche per evidenziare la forte collaborazione tra l’organizzazione e i musei di grande rilievo internazionale come il British Museum, il Louvre (il quale ha concesso, in via del tutto eccezionale, l’esposizione del prezioso "Sarcofago degli sposi", in vetrina per la prima volta fuori da Parigi), il Ny Carlsberg Glyptotek di Copenaghen e infine l'Antikensammlung di Berlino. In totale si contano circa 400 manufatti tra sculture, per lo più in terracotta, vasi, fregi, anfore, brocche, tazze, ornamenti funerari e decorazioni architettoniche di importati santuari. 

 "Era fiorente e popolosa come nessun'altra delle città etrusche", così la descriveva lo storico greco  Dionigi di Alicarnasso, riferendosi ad una Cerveteri che, nel corso della storia, come Atene, Cartagine e Roma, divenne una delle più grandi e importanti metropoli del Mediterraneo antico; in futuro poi, la sua magnificenza venne assorbita dalla crescente potenza romana nel I secolo a. C.

Come se non bastasse, la città di Cerveteri ha voluto organizzare un secondo evento, ma non meno importante, dentro le proprie mura. “Due dei più famosi reperti etruschi del mondo saranno esposti nella nostra città, nelle sale del Museo Nazionale Caerite”, queste le parole del sindaco Alessio Pascucci che ha poi proseguito: “Si tratta della Coppa o Kylix di Eufronio, e del Cratere di Eufronio, due ceramiche decorate a figure rosse che rappresentano l’eccellenza artistica della civiltà etrusca di Caere, l’antica Cerveteri”.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

La cultura dentro e fuori l’Accademia. Intervista a Julia Draganović

Abbiamo incontrato la neodirettrice di Villa Massimo, Accademia tedesca a Roma. Con lei abbiamo parlato di promozione culturale, del senso della Istituzione che guida e di come la cultura sia...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]