Venerdì, 25 Aprile 2014 14:04

Warhol, tra ironia, disagio e connivenza cattura la società dei consumi

Scritto da

ROMA - Arrivano direttamente dalla Brant Foundation le 150 opere di Andy Warhol, esposte a Roma a Palazzo Cipolla,  un vero e proprio racconto iconografico, attraverso la collezione di Peter Brant, che fu non solo collezionista, ma anche amico dell’artista. 

Un percorso completo che, attraverso capolavori noti e opere invece meno conosciute, ripercorre le tappe fondamentali del lavoro di Warhol, ma anche del sodalizio culturale con Brant. 

La mostra parte dai primi disegni dell’artista che cominciò come illustratore per finire con le spettacolari 'Ultime cene’ e gli autoritratti passando attraverso le opere più iconiche come le 'Electric chairs', il grande ritratto di Mao, i fiori e uno dei più famosi capolavori di Warhol, 'Blue shot Marilyn’.

Il curatore Francesco Bonami ha spiegato: "Andy Warhol dice che non c'è nulla nell'arte che uno non possa capire, è un artista che pur avendo lavorato negli anni Sessanta è ancora molto fresco; ci sono opere che potrebbero essere state fatte ieri da un giovane artista contemporaneo. Questo credo renda accessibile al pubblico quest'idea".

Infatti l’arte di Warhol è proprio questa, immediata, fruibile all’istante, un po’ proprio com’è la società dei consumi da lui catturata anche nei suoi simboli più banali ed elevata  agli spazi dell’arte. I soggetti apparentemente incongrui che Warhol utilizza, dalla bottiglia di Coca Cola alle scatole Brillo, ma anche gli stessi ritratti di  personaggi celebri, non sono altro che immagini di consumo ‘macinate’ a getto continuo da una società famelica, onnivora sempre alla ricerca di nuove sollecitazioni. 

Tra un misto di ironia, disagio e anche connivenza Warhol ‘rifà’ ciò che già esiste, preleva delle icone stereotipe e le reinterpreta, ce le ri-presenta, ce le fa ri-conoscere a modo suo.  Warhol insomma non inventa niente, nessuna nuova immagine, si limita solo a sceglierla, ma ripresentandocela, magari con un nuovo maquillage, con una pseudeofedeltà riproduttiva, la enfatizza, la trasforma in una nuova materia estetica. In realtà ce la fa proprio ‘vedere’ perché è spesso l’oggetto e l’immagine che abbiamo di continuo sotto gli occhi che a volte sfugge.  

Gillo Dorfles  nel suo libro “Ultime tendenze nell’arte d’oggi” a proposito di Warhol dice: ”il pubblico per la prima volta si è visto posto di fronte al valore di taluni oggetti creati dall’industria e di uso comune, di cui non aveva mai avvertito l’importanza estetica”.

Infatti tutti i simboli dell’America del consumo sono presenti nell’opera di Warhol, a dimostrazione della vittoria riportata dal prodotto di consumo sullo spazio, anche quello dell’arte e quindi anche del superamento dell’antinomia tra vita e arte. 

Baudelaire forse lo avrebbe definito “un vero pittore della vita moderna”. 

Warhol  passa, con la stessa  disinvoltura, dai ritratti in serie dei divi, ai cibi e alle bevande di consumo, alle sequenze degli incidenti, alle repliche dei fiori dai colori tanto vividi quanto antinaturalistici, creando un universo di immagini che è un po’ il ‘glossario’ iconografico del trentennio che va dagli anni ’50 agli ’80.  Sempre con la stessa apparente indifferenza e sostanziale distacco rende omaggio ai divi di Hollywood, al dollaro, alla falce e martello, alla figura di Mao… ma anche alla sedia elettrica.

Nel trattare l’immagine Warhol in fondo ripercorre le stesse  modalità linguistiche e comunicative della società di massa. Prende le immagini, le imita ma al tempo stesso le isola, le dilata, le ingrandisce, le ‘zoomma’  e poi le ripete in serie.

La serialità è infatti fondamentale in una società consumistica, la moltiplicazione  non fa altro che suggerire un senso di saturazione, di iperproduzione, appunto, consumistica. 

I celebri ritratti sono volti simili a maschere, icone pronte a soddisfare una società feticista. Warhol si concentra sul make up cromatico che dona ai ritratti quella vibrazione quasi espressionistica che è un po’ il rovescio della medaglia della sua arte. Un atteggiamento quello di Warhol di adesione alle illusioni dell’apparenza, alla drammatica superficie del mondo, farcito però di critica ironica, di cinismo, di un fondo di nichilismo e anche di senso della morte.  L’immagine artificiale, infatti, blocca la vita ma allo stesso tempo la nega, anche perché è destinata a un rapido consumo.

Insomma a 27 anni dalla sua morte la fama di Warhol dura ben oltre i suoi fatidici e ormai abusati “15 minuti di celebrità”, che sarebbero stati destinati a chiunque in un futuro, ormai diventato presente.

Andy Warhol
18 Aprile /28 settembre 2014, 
Fondazione Roma Museo Palazzo Cipolla, Via Del Corso, 320, Roma

aperto il lunedì dalle ore 14.00 alle ore 20.00 

dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 20.00. 

Costo: 14 euro

Ridotto: 12 euro

L'ingresso è gratuito per i bambini fino a 4 anni non compiuti, accompagnatori di gruppi ed insegnanti in visita con studenti.

 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]