×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/vhosts/dazebaonews.it/httpdocs/images/VEZIO

×

Avviso

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/VEZIO

Mercoledì, 06 Agosto 2014 09:19

Arte. A Bomarzo una scultura per i 30 anni dell’Avis. Intervista allo scultore Vezio

Scritto da

 

L’interpretazione del concetto di musicalità dell’opera

ROMA - Un riconoscimento a tutte quelle persone che nel silenzio hanno donato il loro sangue. Questo in sintesi l’opera di Vezio Paoletti, inaugurata il 2 agosto nella piazza Roma di Bomarzo, nel viterbese. Una pietra bianca di Verona, imponente che lo scultore Vezio ha progettato e lavorato per dare quel senso di  vita e speranza che rappresenta una delle associazioni più antiche e nobili  della penisola, l’Avis. Abbiamo incontrato l’artista per conoscere in maniera più approfondita la sua ultima opera e quelle già realizzate.

Perché l’uso di una pietra bianca di Verona?

Perché come nella vita il progetto e la teoria liberano sulla carta solo parte della realtà a cui fanno riferimento, è nel work in progress  che si allineano fisicamente le scelte definitive. Questa pietra porta con se naturalmente, da cava, la lucentezza calda dell’avorio che si esprime, una volta levigata, come invito a una carezza.  In questo caso al materiale è affidata, paradosso, l’interpretazione del concetto di musicalità dell’opera. E quindi contrappunto con la spinta delle geometrie.

Lei ha all’attivo molte altre opere in bronzo, tra l’altro esposte in Umbria, nella Tuscia e in special modo nel viterbese, terra antica dei Papi. Crede che l’arte si sia allontanata  troppo da un binario che un tempo era considerato classico?

Si dice che l’arte cresce sull’arte. L’arte come la verità non si diffonde storicamente  ma in modo dialettico e la crescita ha luogo escludendo la conservazione di forme esanimi . Lo intuisce un giovanissimo Caravaggio che sente arrivato il momento di lasciare cadere i suoi classici, sostituendoli con una nuova personale verità: la scoperta della resa fedele di un “pezzo” di realtà. Michelangelo Merisi non inventa la ”realtà-acquario” per  prendere distanze dall’antico ma per accorciarle col nuovo che in quel momento rappresenta il percorso più vero fra coscienza e cambiamento.

Una sua formella in bronzo, il Lazzaro, ispirata da “mistero buffo” di Dario Fo, è stata acquisita nella collezione di arte del  XX secolo, del Museo Vito Mele a Santa Maria di Leuca.  Lei già dagli  anni ’80 affida la realizzazione delle sue opere a fonderie storiche  come la Cubro o la Maf a Milano, alle quali si rivolgevano i grandi maestri dell’arte moderna. Possiamo affermare che alcuni  luoghi che prima erano una fucina di creatività rischiano, come altre realtà artigianali, di scomparire portando via con sé la cultura che ha caratterizzato un’epoca importante per l’arte italiana?

Questi  luoghi magici sono un patrimonio della cultura italiana così come le opere che hanno visto nascere da i loro crogiuoli. Ogni operaio o artigiano all’interno di una fonderia artistica oggi esprime quotidianamente il portato secolare di un mestiere di cui i grandi della scultura di tutti i tempi si sono avvalsi per distillare poesia dai propri lavori. I registri espressivi dell’arte oggi si affidano a materiali e strumenti quelli meno canonici. “ Sti moriammazzati prediligono l’olio” direbbe simpaticamente Carlo Emilio Gadda, che però poi seppe apprezzare anche la buona cucina romana. 

Lei  ha segnato nel bronzo ritratti che vanno da Pasolini a Dario Fo al volto raffigurante Papa Giovanni Paolo II, tuttora custodito nel vicariato generale del patriarcato di Venezia. Cosa pensa della trasformazione della scultura nell’arte ai nostri tempi?

Nel  ’72  proprio Pasolini a chi gli chiedeva il perché del passaggio dalla scrittura letteraria al cinema, rispondeva come la letteratura fosse  ormai insufficiente a contrastare forme di  violenza esercitata dal potere e aggiungeva di fare il cinema per vivere secondo la sua filosofia, cioè la voglia di vivere fisicamente sempre a livello della realtà. Quindi inevitabili, per fortuna, il trapasso dei modi artistici e le trasformazioni dei linguaggi usati. L’impegno è conoscere quali  e cosa sono le realtà che producono questi cambiamenti, così da stabilire un confronto laico e non subalterno. Di nuovo, anche in questo Caravaggio, come del resto Pasolini, fu vero ambasciatore del soggetto feriale. Quando, vale la pena ricordarlo, si dipingeva solo per soggetti imposti e su commissione ecclesiale o della nobiltà.

 

{gallery}VEZIO{/gallery}

 

 

Alessandro Ambrosin

direttore responsabile

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]