Mercoledì, 09 Settembre 2015 16:55

Arte. Pasquale De Antonis, Ritratti di Guerra

Scritto da

ROMA - InARS Art Gallery è lieta di presentare la mostra Ritratti di guerra di Pasquale De Antonis, nei suoi spazi presso la Libreria Arion a Piazza Montecitorio, Roma.

La mostra, che inaugurerà il 14 settembre, s’inserisce nell’ambito del più grande progetto espositivo Teatri di guerra, prendendo il posto della mostra di Alfredo Macchi (in chiusura il 12 settembre) e ponendosi in dialogo con la serie di incisioni Gott mit uns, di Renato Guttuso.

L’esposizione di Pasquale De Antonis presenta i ritratti di soldati e ufficiali tedeschi, inglesi e americani che, nel corso del 1943 e del ’44, si presentarono allo studio del fotografo in Piazza di Spagna per essere immortalati.

Già presente in Teatri di Guerra, ad annunciare questa serie di fotografie è il ritratto di Herbert Kappler, il quale accompagnato da una misteriosa signora inconsapevolmente si fece ritrarre proprio da un membro del Comitato di Liberazione Nazionale. Lo studio di De Antonis, infatti, era il laboratorio in cui si sviluppavano le fotografie che arrivavano clandestinamente dal fronte partigiano.

Come racconta in catalogo la curatrice della mostra, Roberta Giulieni, questi ritratti di popoli in guerra tra loro, si unificano nelle tecniche usate da Pasquale che, per realizzarli, sceglie di usare sempre uno stesso fondo fatto da una proiezione di ombre di foglie su una superficie trasparente, quasi a simboleggiare un autunno ed una primavera tra l’occupazione nazista e la liberazione degli alleati.

In tempi in cui la guerra è ancora tristemente di stretta attualità, con questa esposizione inARS Art Gallery intende presentare un’importante documentazione della storia di Roma e della fotografia, mostrando i volti dei protagonisti delle tragedie della II Guerra Mondiale, nello specifico ritratti con una tecnica che li rende anomali rispetto alle tradizionali foto di genere. I volti di questi soldati appaiono fuori del tempo, con un leggero effetto flou tipico di quel genere di obiettivo usato a tutta apertura, che lascia i soggetti di queste fotografie immersi in una irreale alea di mistero, afferma la curatrice.

La mostra sarà accompagnata dal secondo appuntamento della serie “Accoppiamenti giudiziosi”, talk a cura di Fabio Pizzicannella in programma il 24 settembre.  

Pasquale De Antonis (Teramo 1908-Roma 2001) è stato uno dei più grandi protagonisti della fotografia italiana del ‘900. Particolarmente interessato alle indagini e documentazioni etnografiche, dopo diversi progetti realizzati in Abruzzo sulle orme de folclore locale, si trasferisce a Roma per studiare al Centro Sperimentale di Cinematografia, si specializza nel ritratto e inizia a frequentare gli ambienti del cinema, dell'arte e della letteratura. È amico di Ennio Flaiano che gli dedica il racconto Le fotografie, e fa parte del gruppo di artisti legati alla Galleria dell’Obelisco (Cagli, Afro, Mirko, Guttuso, etc.). Collabora con la giornalista di moda Irene Brin, contribuendo con le sue fotografie a definire l'immagine dell'alta moda romana nella sua prima fase di internazionalizzazione. È stato fotografo di scena di Luchino Visconti e di altri importanti registi teatrali. È stato il primo fotografo a riprendere ufficialmente la Cappella Sistina (1965), utilizzando nuove tecniche fotografiche e il colore. È tra i fondatori del gruppo di ricerche intercodice "Altro", nato e operante a Roma dal 1972. 

SCHEDA TECNICA

Pasquale De Antonis - Ritratti di guerra 

nell’ambito della mostra Teatri di guerra 

a cura di Roberta Giulieni

dal 14 settembre al 20 ottobre 2015

Inaugurazione: 14 settembre ore 18

Catalogo generale di Teatri di Guerra: introduzione di Fabio Pizzicannella, testo di Fabio Benzi e schede storico artistiche di Fabio Benzi, Roberta Giulieni e Giulia Tulino. (€ 10)

Inars Art Gallery - Libreria Arion Montecitorio 

Piazza Montecitorio, 59 Roma infoline: tel +39 06 6781103 

Orari: lunedì 12-19 – martedi /sabato 10-19

Ingresso libero

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / web: www.inars.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]