Venerdì, 05 Febbraio 2016 18:37

L'Atlante inquieto di Danilo Maestosi

Scritto da

Una personale che mette in mostra la geografia dei sentimenti

ROMA - “Bisognerebbe riscrivere la geografia dei sentimenti e delle nazioni”. Parla  così Danilo Maestosi delle sue opere in mostra alla Plus Arte Plus di Viale Mazzini fino al 13 febbraio. Una personale, a cura di Ida Mitrano e Rita Pedonesi, che mette in esposizione oltre venti dipinti su tavola e dodici ceramiche che rappresentano un intenso lavoro di emozioni e passioni.  Maestosi con l’astratto riesce a concretizzare sulla tela la realtà sensoriale. I suoi quadri sono punti d’appiglio per cercare di ridare valore all’umanità. “ Da bambino pensavo che il mondo, - terra, mare, cielo - fosse contenuto in una grande rete e compito dell’uomo fosse tirar fuori le cose che vi sono impigliate”.  

Didone.jpg

In una percezione tra pangea e pantalassa, nelle pennellate di Maestosi la natura è “altro da te, altro dall’uomo. E’ cosa diversa, non da addomesticare ma da rispettare”. Un’incarnazione perfetta della visione filosofica degli antichi greci, che nello spazio dei suoi quadri, racchiude il tempo della storia e va oltre. La memoria sedimentata che è memoria fertile e memoria che vive.  Ma anche memoria contro l’inquietudine dei tempi. Così Maestosi si confronta con miti e con la continuità del racconto umano. Dalla tavola affiora Didone, colei che trattiene l’eroe, ma da questo abbandonata si uccide. E per l’artista diventa simbolo della fine del matriarcato. O Eros, piuma e spine di noi umani. 

Una mostra che è un’intensa testimonianza del mondo cambia. E che per Maestosi:  “si espande, si contrae, fugge in avanti o all’indietro tra errori ed orrori. Difficile stargli appresso perché cambia anche noi. Ci toglie bussole, parole per dirlo. Una geografia sconnessa di paesi ed emozioni da reinventare. L’atlante spaesato del dentro e del fuori che provo ad abbozzare con gli appunti  di questa mostra, segni annegati nel bianco che sempre più mi appare sulla scia di Kandinsky come un colore di rigenerazione”.  Bianco, somma dei sette colori dell’iride, sul quale l’artista fissa forme fantasmatiche capaci di diventare segno, senso e significante ricomponendosi in un ordine instabile. Lo stesso in cui vive e si muove uomo e materia.

www.danilomaestosi.it

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

Quando l’intimità si fa politica attraverso la pittura. Intervista a Romina Bass…

Parlare di donne e politica in tempi di ritorno femminista significa addentrarsi in un periglioso terreno, col rischio che tutto venga fagocitato da nuovi slogan e propaganda di movimento.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]ews.it