Mercoledì, 13 Luglio 2016 11:38

Arte. Expatrie di Iginio De Luca. L’uomo, la casa, la società

Scritto da

La Casa dell’Architettura di Roma, la sede dell’Ordine professionale, il luogo dell’architettura ufficiale, si presenta in questi giorni come uno spazio di riflessione sull’abitare inteso nella sua prospettiva di frontiera, di spazio liminare tra interno ed esterno, pubblico e privato, intimo e politico, rifugio e prigionia.

Merito dell’artista Iginio De Luca che, con il progetto Expatrie, elabora un pensiero articolato sul vivere un luogo, nello specifico sul vivere in case ricavate nella ex fabbrica della Fiorucci sulla via Prenestina. Il progetto rientra nel “programma” del Maam – Museo dell’altro e dell’altrove – creato con una collezione della più varia arte per impedire che gli occupanti venissero sgomberati. In sostanza un’operazione che ha riunito una serie di artisti (non solo artisti) chiamandoli a collocare in loco un lavoro.

Iginio De Luca ha forse per la prima volta nella storia del Maam sviluppato un progetto relazionale che fosse dentro la problematica del luogo e dei suoi abitanti. Davide Dormino aveva già realizzato per loro una scala dove era una crollata, caricandola di simbologia evocativa: 33 gradini, utili, percorribili e carichi di un senso di sofferenza e speranza; Iginio De Luca ha offerto una “casa ufficiale”, ha dato una forma planimetrica al loro vivere e al loro futuro, accatastando metaforicamente le loro abitazioni in un personale registro visivo. Quelli di Dormino in loco e il lavoro di De Luca alla Casa dell’Architettura sono ovviamente  progetti diversi, rispondenti a ricerche diverse, accomunati però –  ci piace sottolinearlo – dal fare un’arte che non sia solo oggetto per riempire uno spazio, ma strumento poetico di servizio, riflessione e speranza.

Tutto questo nel lavoro di De Luca prende la forma di ritratti speciali: fotografie a cui viene sovrapposta una carta da lucido in cui è intagliata la piantina delle case che l’artista ha visitato, arricchita da una stanza immaginaria, legata a un desiderio che prende forma. Ne emergono dei ritratti in cui vi è compenetrazione tra l’essere umano e il suo luogo, immagini che assumono un carattere di maggior forza se si considera che la planimetria “squarcia” l’opacità della carta, un filtro che separa l’io e l’altro, il dentro e il fuori, il privato e il politico.

Accanto a ciò vi sono alcuni schizzi delle planimetrie e un video, il racconto visivo (non un documentario però) dell’incontro tra artista e abitanti, il loro conoscersi e raccontarsi, i rilievi di De Luca e il suo disegnare, l’intimo rapporto che si è creato.

Pensando al percorso artistico di Iginio De Luca, c’è da notare che questo progetto segna un passo importante nella sua ricerca, è in fondo la prima volta che le sue due anime – quella poetica e quella politica – si fondono in un unicum. Expatrie è il punto di contatto tra i lavori sull’intimità e i blitz. Nessuna ironia però in questo caso (al contrario delle sue azioni pubbliche), solo il tratto gentile che però sa affrontare un tema personale nella sua ulteriore prospettiva sociale. La questione della casa non è solo privata, la vita di una comunità  - ma pure di un singolo nucleo - è cosa di tutti. E che le opere di De Luca siano presentate fuori del Maam è un elemento di valore che rafforza il progetto, connotandolo di una universalità che travalica la mera occasione, evidenziando una riflessione che prescinde dalla opportunità del momento, del luogo o della persona, chiunque questa sia. 

Scheda tecnica

Iginio De Luca - Expatrie

fino al 26 luglio 2016 

Acquario Romano – Casa dell’Architettura

Piazza Manfredo Fanti 47, Roma

Orari: dal lunedi al  venerdi dalle 9 alle 19

Info:  www.casadellarchitettura.it/ / 06 97604598

catalogo Iginio De Luca - Expatrie, Inside Art edizioni, Roma 2016  

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Europa

Resisti mia bella Europa verdeggiante culla dei secoli.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La ruota della vita

Si cresce e dentro si muore Si grida e nessuno ci ascolta.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

Quando l’intimità si fa politica attraverso la pittura. Intervista a Romina Bass…

Parlare di donne e politica in tempi di ritorno femminista significa addentrarsi in un periglioso terreno, col rischio che tutto venga fagocitato da nuovi slogan e propaganda di movimento.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Fertilità. L’orologio biologico non segue i nostri comodi

Convegno Rotary con il dottor  Alberto Vaiarelli, specialista di medicina della riproduzione, fondatore di ”Idee fertili”

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]