Mercoledì, 11 Luglio 2018 19:25

Ecco gli artisti che vincono il Praemium Imperiale, equivalente del Nobel per la Scienza. Il videoservizio

Scritto da

ROMA – Stamane la Japan Art Association ha annunciato in contemporanea - a Londra, Parigi, Berlino, Tokyo, New York e Roma - i nomi dei vincitori del Praemium Imperiale. A Roma la cerimonia si è svolta sotto l’egida dell’ex Presidente del Consiglio Lamberto Dini, coadiuvato da Michico Fujii liaison officer del Premium, che è andato quest’anno al Maestro Riccardo Muti per la musica, al belga-francese Pierre Alechinsky per la pittura, alla giapponese Fujiko Nakaya per la scultura, ai francesi Christian de Portzamparc per l’architettura e Catherine Deneuve per il cinema/teatro.

Lamberto Dini ha rilevato che ciascuno dei prescelti è stato insignito per la ricchezza della carriera e per l’originalità di un lavoro che li rende insostituibili. Oltre al talento Riccardo Muti è stato onorato per l'importanza del progetto "Le Vie dell'Amicizia", che punta a unire persone di origini diverse attraverso i concerti e per aver fondato l'Italian Opera Academy per sostenere e formare giovani direttori d'orchestra e cantanti d'opera. Michico Fujii, liaison officer, ha ricordato l’importanza del messaggio di pace del Praemium Imperiale, imprescindibile in tempi difficili come quelli che il pianeta sta attraversando. La borsa di Studio del Praemium Imperiale 2018 per i Giovani artisti è stata assegnata alla Shakespeare Schools Foundation del Regno Unito che, con grande merito, avvicina al teatro di Shakespeare bambini di scuola elementare, i quali,  hanno dimostrato in un video proiettato per la stampa di divertirsi un mondo.

Il Praemium Imperiale è il più importante riconoscimento d’arte esistente e conferisce un prestigio pari a quello del Nobel per la Scienza. È assegnato in cinque discipline: pittura, scultura, architettura, musica, teatro/cinema . La sua autorevolezza è riconosciuta per il rigore estremo della scelta. Dai comitati di selezione, presieduti da consiglieri internazionali di grande fama nel campo della cultura, finanza, imprenditoria, sono proposte le nomination annuali, poi in queste rose di nomi i Comitati di selezione della Japan Art Association designano i cinque vincitori, ciascuno dei quali riceverà un premio di 15 milioni di yen – circa 115.00 euro – un diploma e una medaglia conferiti dal Patrono Onorario della Japan Art Association, il Principe Hitachi, durante la cerimonia di premiazione che si svolgerà a Tokyo il prossimo 23 ottobre. 

Il Praemium Imperiale trae origine dal timore della sparizione delle arti e dei mestieri nipponici, perché negli ultimi decenni del secolo diciannovesimo e agli inizi del ventesimo, il Giappone era fin troppo influenzato dalla civiltà occidentale. Preoccupato, l’Imperatore Meiji decise di promuovere le attività culturali e artistiche del Giappone coltivando buoni rapporti con gli altri paesi.  Nel 1887 nacque la Japan Art Association. L’anno successivo fu inaugurato uno spazio espositivo, oggi chiamato Ueno Royal Museum, che ora ospita non solo capolavori giapponesi ma anche stranieri. Nel 1988, in occasione del centenario della Japan Art Association è stato istituito il Praemium Imperiale in onore del defunto Principe Takamatsu, la cui aspirazione risiedeva nel principio che, attraverso le arti, il Giappone promuovesse la pace nel mondo.

Videoservizio di Rita Salvadei 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Poesia

Il coraggio di amare

Complessa, caparbia persa nei diversi  stati della mente...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Assolo

Amo quelli che non rinunciano ai propri sogni. Quelli che si rialzano sempre, anche quando si sentono a terra.

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Amos Oz. In memoria

Esiste un luogo della parola che ha a che fare con la profezia: quel potere onirico che la scrittura sprigiona quando diviene impronta della storia e, al tempo stesso, visione...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Rizzoli. “Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking. Recensione

“Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking edito da Rizzoli (pagg. 199 euro 17,00) e uscito pochi mesi dopo la sua morte, avvenuta il 14 marzo scorso, con...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

La cultura como motor económico y social. El caso latinoamericano. Entrevista a …

El año pasado en Roma, en el marco de la conferencia “Cultura e Sviluppo, una prospettiva latinoamericana” al MAXXI, organizada por el IILA, nos encontramos con Trinidad Zaldívar, Jefa de...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077