Mercoledì, 24 Ottobre 2018 09:23

Riccardo Muti riceve il Praemium Imperiale, Nobel in campo artistico

Scritto da

Il trentesimo Praemium Imperiale è stato assegnato a Riccardo Muti per la musica, Pierre Alechinsky per la pittura, Fujiko Nakaya per la scultura. Christian de Portzamparc per l’architettura, Catherine Deneuve per il teatro/cinema

TOKIO – Conferito ogni anno dalla Japan Art Association ed equiparato al Nobel in campo artistico, il premio Imperiale è giunto alla 30/a edizione.  “Un maestro tra i maestri" – questa la motivazione del Praemium Imperiale 2018 assegnato il 23 ottobre a Riccardo Muti, a Tokyo, dal principe Hitachi.  Accanto ai traguardi di Riccardo Muti come direttore d'orchestra delle più importanti formazioni del mondo, dell’artista italiano si sostiene che "il suo contributo riguardo alle opere di Verdi, in particolare, è di portata storica. Il suo eccezionale progetto Le vie dell'Amicizia, che aspira a unire persone di origini diverse attraverso i concerti, dura da vent'anni ed è estremamente apprezzato. È degno di lode che egli abbia fondato l'Italian Opera Academy per sostenere e formare giovani direttori d'orchestra". 

«Il ricevimento del Praemium Imperiale per la musica del 2018 mi rende non solamente felice ma molto orgoglioso, perché viene dalla famiglia imperiale - ha dichiarato Muti nel ritirare l’altissima onorificenza - Oggi ho incontrato insieme agli altri premiati l’Imperatore e l’Imperatrice, che sono stati estremamente gentili e informati perfettamente della mia attività. Io amo molto il Giappone. Trovo che sia un Paese veramente strepitoso, con una cultura e una disciplina sociale che dovrebbe essere un punto di riferimento per molti Paesi nel mondo». Tra i grandi musicisti che hanno ricevuto prima di Muti il Praemium Imperiale ricordiamo, tra gli altri, Leonard Bernstein, Mstislav Rostropovich, Claudio Abbado, Zubin Mehta, Maurizio Pollini, Placido Domingo.

Alla cerimonia erano presenti i Consiglieri internazionali - che presiedono i Comitati di nomina delle candidature - Lamberto Dini per l’Italia, William H. Luers per gli Stati Uniti, Christopher Patten per la Gran Bretagna, Jean-Pierre Raffarin per la Francia e Klaus-Dieter Lehmann per la Germania.Assieme a Riccardo Muti il Praemium Imperiale è stato assegnato anche al belga-francese Pierre Alechinsky per la pittura, alla giapponese Fujiko Nakaya per la scultura e ai francesi Christian de Portzamparc per l’architettura e Catherine Deneuve per il teatro/cinema. Unico assente alla cerimonia, purtroppo per motivi di salute, è stato Alechinsky e in sua vece ha partecipato Michel Draguet, direttore dei Musées royaux des Beaux-Arts de Belgique.  Il Praemium Imperiale consiste in un diploma, una medaglia commemorativa e la somma di 15 milioni di yen (circa 115.000 euro).

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]