Sabato, 16 Marzo 2019 10:00

Robert Mapplethorpe. L’obiettivo sensibile

Scritto da

La Galleria Corsini di Roma ospita sino al 30 giugno la mostra a cura di Flaminia Gennari Santori, Direttore delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini

ROMA - Sono quarantacinque opere di questo rivoluzionario e controverso maestro dell'obiettivo del secondo Novecento: lo studio delle nature morte, dei paesaggi, della statuaria classica e della composizione rinascimentale. 

La scelta della curatrice di fare in questo spazio una mostra su Robert Mapplethorpe - di cui quest'anno cade il trentesimo anniversario della morte - è ispirata alla pratica collezionistica dell'artista, avido raccoglitore di fotografie storiche, passione che condivideva con il compagno Sam Wagstaff, la cui collezione fotografica – composta in larghissima parte di ritratti, figure e paesaggi – costituisce un fondo straordinario del dipartimento di fotografia del Getty Museum di Los Angeles. 

La mostra è un evento unico poiché, come afferma la curatrice: “le foto sono state in varie occasioni accostate alle opere di artisti del passato – Michelangelo, Hendrick Goltzius, Auguste Rodin – attraverso dialoghi sorprendenti e rivelatori, ma questa è la prima volta che vengono esposte nel contesto di una quadreria settecentesca”.

La selezione delle opere e la loro collocazione nella Galleria rispondono a diverse intenzioni tra cui quella di mettere in luce aspetti del lavoro di Mapplethorpe che risuonano in modo particolare con la Galleria Corsini, intesa come spazio — fisico e concettuale — del collezionismo, per innescare una relazione inedita tra i visitatori, le opere e gli ambienti della Galleria. 

Viste alla luce del terzo millennio - con gli occhi abituati a centinaia di migliaia di immagini proposte dalla rete - l'artista appare racchiuso nel suo spazio temporale, nel quale è stato un vero rivoluzionario.

Nel dettaglio la mostra si snoda in tutte le sale del museo ed inizia nella cosiddetta Anticamera dove Winter Landscape, un raro paesaggio del 1979, è esposto sotto Paesaggio con Rinaldo e Armida di Gaspard Dughet.

Prosegue poi nella Prima Galleria, nella Galleria del Cardinale, nella Camera del Camino (o Sala del Trono Corsini), nell’Alcova di Cristina di Svezia, nel Gabinetto Verde , nella Sala Verde, nella Sala Rossa per concludersi in una piccola stanza adiacente dove sono esposte alcune fotografie più esplicite affiancate a immagini di fiori. 

Robert Mapplethorpe. L’obiettivo sensibile, a cura di Flaminia Gennari Santori

SEDE: Roma, Galleria Corsini, via della Lungara 10 - Roma

APERTURA AL PUBBLICO: 15 marzo – 30 giugno 2019

ORARI: dal mercoledì al lunedì dalle 8.30 alle 19.00. La biglietteria chiude alle 18.00. 

GIORNI DI CHIUSURA: martedì, 25 dicembre, 1° gennaio

BIGLIETTO BARBERINI CORSINI: Intero 12 € - Ridotto 2 € (per i giovani dai 18 ai 25 anni)

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

La nuova alba

Interrogarsi… svegliarsi in questo permutare di eventi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]