Venerdì, 19 Luglio 2019 13:24

“Luca Signorelli e Roma”, mostra che ripropone un artista da non perdere

Scritto da

ROMALuca Signorelli (Cortona, 1450 ca. -1523), conosciuto soprattutto per gli affreschi della Cappella Nova a Orvieto, ha molto di cui stupirci e la piccola mostra ai Musei Capitolini, sicuramente da non perdere, si spera sia l’inizio di una continua riproposizione.

Celebrato nella capitale per la prima volta, il Signorelli affascina per la prodigiosità che nulla ha da invidiare ai massimi protagonisti del Rinascimento italiano. Michelangelo e Raffaello, esponenti della generazione successiva, per raggiungere le altezze universalmente riconosciute s’ispirarono a lui quale maestro.  Non a caso i curatori, Federica Papi e Claudio Parisi Presicce, han fatto precedere questa esposizione a quelle che celebreranno i cinquecento anni della morte di Raffaello, la cui popolarità avrebbe offuscato l’opera di Luca Signorelli, diamante finora tenuto in un cassetto. L’esposizione romana a Palazzo Caffarelli non narra la sua biografia artistica, ne evidenzia alcuni aspetti riguardanti il rapporto dell’artista con Roma, che solo nel 1816 collocò nel Pantheon il ritratto del maestro di Cortona. 

Attraverso sessanta opere provenienti da collezioni italiane e straniere, molte delle quali per la prima volta esposte, la mostra romana rende evidente l’ambiente storico-artistico in cui avvenne il primo soggiorno dell’artista nell’urbe, offrendo inedite letture sul legame diretto e indiretto che instaurò con la città dei Papi. Il percorso in sette sezioni, inizia mostrandoci l’errore commesso dallo stesso Vasari sul volto del Signorelli rappresentato in due persone diverse nei busti di Pietro Tenerani (Museo di Roma) e da Pietro Pierantoni (Musei Capitolini, Protomoteca). I visitatori sono poi accompagnati, attraverso la Roma di Sisto IV e fra Antichità Capitoline, davanti ad alcune miracolose opere Di Luca Signorelli come il Martirio di san Sebastiano (Pinacoteca Comunale di Città di Castello), il Cristo in croce e Maria Maddalena (Galleria degli Uffizi), il tondo di Monaco e la pala di Arcevia. Prosegue all’interno della Cappella Nova di Orvieto, ricostruita attraverso riproduzioni retroilluminate, per giungere davanti a capolavori signorelliani, fra i quali la Vergine col Bambino del Metropolitan Museum of Art di New York e la preziosa tavola di proprietà della principessa Pallavicini. Seguono le sezioni dedicate al soggiorno di Signorelli a Roma sotto il pontefice Leone X (1513-1521) e ai suoi rapporti con Bramante e Michelangelo. A conclusione un capitolo è dedicato alla riscoperta del Maestro tra Otto e Novecento nell’arte, nella letteratura e nel mercato antiquario, con la Flagellazione (Galleria Giorgio Franchetti alla Ca' d'Oro, Venezia) e la Madonna col Bambino fra quattro santi e angeli (Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo).

La mostra, a cura di Federica Papi e Claudio Parisi Presicce, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura. Catalogo edito da De Luca Editori d’Arte.

Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte
Musei Capitolini, Sale Espositive di Palazzo Caffarelli

Dal 19 luglio al 3 novembre 2019

La mostra curata da  Federica Maria Papi e Claudio Parisi Presicce è organizzata da  Zètema Progetto Cultura

Orari:

Tutti i giorni 9.30 – 19.30 (la biglietteria chiude un’ora
prima); 24 e 31 dicembre 9.30-14.00; chiusura:1
gennaio, 1 maggio, 25 dicembre

Biglietti:

Biglietto integrato Mostra + Musei Capitolini per i non residenti a Roma: € 16,00 biglietto integrato intero; €14,00 biglietto integrato ridotto Biglietto integrato Mostra + Musei Capitolini per iresidenti a Roma: € 14,00 biglietto integrato intero; €12,00 biglietto integrato ridotto. Gratuito per le categorie previste dalla tariffazione.

Info mostra Tel. 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 19.00); www.museicapitolini.org;www.museiincomune.it

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Le parole

Le parole strumenti nelle nostre mani scritte ripetute vogliono essere comprese.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]